“La Terza Classe” live al Teatro Nuovo di Napoli: storia del gruppo e info biglietti

La terza classe foto 2Sabato 13 gennaio 2018 h 21:00 La Terza Classe live al Teatro Nuovo (via Montecalvario n. 16) per la I data de “Il Nuovo Suona Giovane”, rassegna musicale voluta da Teatro Pubblico Campano, diretto da Alfredo Balsamo, in collaborazione con Progetto Sonora.

Opening music aperitif ore 20:00; start concert alle 21:00. Ingresso Euro 12,00. Si consiglia di prenotare con una mail a: botteghino@teatronuovonapoli.it

LA FORMAZIONE: Pierpaolo Provenzano (voce e chitarra); Enrico Catanzariti (voce e rullante); Rolando “Gallo” Maraviglia (voce e contrabbasso), Corrado Ciervo (voce e violino); Alfredo D’Ecclesis (armonica e voce); Michelangelo Bencivenga (banjo e voce).

La prima data della II edizione de “Il Nuovo Suona Giovane”, organizzata da Teatro Pubblico Campano, diretto da Alfredo Balsamo, in collaborazione con Progetto Sonora, e ospitata sul palco del Teatro Nuovo, prevede un viaggio. Un viaggio in musica. Infatti il pubblico in sala sarà chiamato a compiere, grazie ai ritmi trascinati de La Terza Classe, un bellissimo viaggio oltreoceano, a cavallo tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900. La coinvolgente sintassi sonora di quest’originale formazione partenopea scorta l’ascoltatore sui vecchi transatlantici che solcavano l’oceano verso il Nuovo Mondo, trascorrendo dal blues al folk, all’early jazz, al dixieland, sino al country, all’appalachiano bluegrass e alle canzoni da jug band.

Il gruppo, nato nel 2012 dall’incontro di strumentisti provenienti da esperienze musicali differenti, è sorto per strada a Napoli, facendo del contatto col pubblico uno dei suoi punti di forza e allenando, in una palestra a cielo aperto, verve espressiva, capacità interprativa e interplay. La sua ricerca musicale recupera suoni delle isole britanniche, della Alabama, Louisiana, Georgia, delle città sorte lungo il Missisipi o nei canyon dell’Arizona, riscrivendoli in maniera inedita, senza mai dimenticare il patrimonio musicale nostrano.

Rispetto alla formazione originale ci sono stati in questi anni tanti cambiamenti. A non essere mutata, però, è la voglia di mettere a confronto diversi bagagli artistici, mescolando influenze varie, generi disparati, sperimentando un proprio nuovo linguaggio caratterizzato da una grammatica sonora sempre più immediata e schietta, che arriva diretta al pubblico. “Quello che ci ha spinti verso questo tipo di musica è la più sincera passione, il divertimento che proviamo nel suonare… L’approccio a questo sound è per metà legato a quello che noi diamo in fase di arrangiamento, per l’altra metà frutto dell’empatia che si crea con la gente che ci ascolta e che interagisce con noi durante le nostre esibizioni”, queste le parole dei membri della band.

Il suo sound è una commistione di suoni legati a quel periodo tra XIX e XX secolo, figlio delle tradizioni musicali dei popoli che dalla Vecchia Europa si spingevano nel Nuovo Mondo e dell’irrinunciabile repertorio che di quel periodo e di analoghe storie di migrazioni racconta anche la cultura della propria città, Napoli. Partendo da qui, però, i membri de La Terza Classe, a un certo punto del loro iter musicale, hanno sentito l’esigenza di portare il proprio sound alla fonte, in USA.

LEGGI ANCHE  Teatro Nuovo di Napoli. Un gioiello di architettura teatrale

Ed ecco che è iniziato un viaggio ‘on the road’ attraverso gli States, in cui, a causa (o per merito!) di una gomma forata, i ragazzi sono stati soccorsi niente meno che da Jim Lauderdale, musicista e compositore americano plurivincitore del Grammy Award che, colpito dalla loro storia, ha deciso di portarli per ben 4 volte al “Music City Roots”, noto varietà musicale di Nashville, patria della musica country.

Nel 2013 la band ha autoprodotto un primo LP, “Ready to Sail”, che ha venduto più di 2.000 copie grazie alla costante e intensa attività live in Italia come all’estero. Nel maggio 2016 è uscito il secondo lavoro, “Folkshake”, nato tra lo studio di registrazione Kasataié Music Recording Studio e gli stati della South East Coast americana, e contenente 8 brani di cui uno inedito, “Paulina”, promosso dal relativo videoclip. Il progetto è stato realizzato insieme alla casa editrice “Ad est dell’equatore”, ed è distribuito tramite Amazon, Spotify e iTunes. Numerosi altri live in Francia, Belgio, Olanda, in Italia nell’ambito di vari festival, in Germania al Neukölln Folk Festival, e soprattutto negli USA dove, nel 2014, 2015 e 2016, la band ha realizzato 3 tournée e partecipato a svariate trasmissioni radiofoniche. Oltre a ciò La Terza Classe ha preso parte a vari programmi televisivi prodotti da Sky Arte: “On the Road con Joe Bastianich” e “Fotografi”; ha partecipato all’edizione 2106 di “Italia’s Got Talent”.

Una versione del noto standard bluegrass “Rollin’ in my sweet baby’s arms” e l’inedito “Paulina” sono stati utilizzati da Sky Sport come soundtrack per vari spot. La band ha anche curato la presentazione musicale del film “Alabama Monroe” nei cinema del sud Italia; ha prodotto un documentario dal titolo “Flat Tyre – An America Music Dream”, che racconta il proprio viaggio negli States e che, girato da Ugo di Fenza e montato a Napoli da Paolo Ielpo, è stato vincitore del Napoli Film Festival 2016 per la sezione “Schermo Napoli Doc”.

Info e prenotazioni Teatro Nuovo, via Montecalvario n. 16, Napoli. Phone: 081/4976267 e-mail: botteghino@teatronuovonapoli.it; sito web: www.teatronuovonapoli

Potrebbe anche interessarti