Ancelotti: “Ronaldo alla Juve? Un motivo in più per batterla. Siamo qui per vincere!”

Oggi si apre ufficialmente un altro capitolo del Napoli: gli azzurri ripartono da Carlo Ancelotti. Tanta è stata l’attesa per la sua prima conferenza stampa dal suo arrivo a Napoli, che oggi ha parlato dal ritiro di Dimaro.

“Il nostro obiettivo è rendere la squadra competitiva, provando ad andare avanti in tutte le competizioni”, ha annunciato. Su Ronaldo alla Juve: “E’ il migliore al mondo, conosco la sua professionalità e la sua forza. Il calcio italiano ne beneficia, ne esce rafforzato ma è principalmente un vantaggio per la Juve. Per noi sarà una motivazione in più per arrivare davanti ai bianconeri“.

Lo spirito di questa squadra mi ha convinto molto, – ha spiegato Ancelotti – non sono qui per cancellare quello che è stato. Porterò comunque le mie idee, ma lo stile rimarrà lo stesso. Avremo un possesso efficace, con spirito offensivo. Cercheremo di mantenere la squadra così com’è perché ha un valore importante. I top players non sono quelli fortissimi, ma i giocatori funzionali al contesto“.

Due parole anche sull’acerrima “nemica” degli azzurri: “E’ una squadra forte che ha vinto negli ultimi anni, sarà un avversario fortissimo ma non ci sarà solo la Juve. Il calcio italiano ha dimostrato che c’è molta incertezza, molte squadre sono forti perciò saranno tante le squadre da tenere d’occhio. Non siamo qui a pettinare bambole, si parte per vincere“.

Ho deciso di vivere in città perché Napoli è una bella città, per cui lo farò ben volentieri. Ho preso informazioni prima sul gruppo, è una squadra molto variegata con giovani e giocatori di esperienza. Tutto aiuta per costruire un gruppo motiva e altruista. Ho parlato con loro e gli ho detto che ciò che mi piace di più in giocatore è l’altruismo e loro hanno dimostrato di averlo“, ha detto.

Sui neo acquisti: “Meret pensiamo sia un giovane talento che ha fatto bene, Karnezis ha esperienza e aiuterà a crescere Meret. Inglese? Ha fatto molto bene, non è giovanissima ma ha grandi potenzialità. Per quanto riguarda Fabian Ruiz, invece, è un centrocampista completo che non ha però le caratteristiche per giocare davanti alla difesa“.

Sugli obiettivi in Champions: “Passare il gruppo certamente, – ha continuato – visto che siamo in seconda fascia è quello il primo traguardo da raggiungere. Di sicuro saremo competitivi. La nostra squadra è molto cresciuta, dobbiamo avere continuità e migliorare in alcune situazioni. Mettere insieme le mie conoscenze e quelle della squadra ci potrà servire per crescere ancora di più“.