Premio Sirena d’Oro 2017, il miglior olio biologico d’Italia è campano: ecco i vincitori

Sono stati annunciati questa mattina i vincitori dei premi della 15° edizione del Premio Sirena d’Oro di Sorrento durante una conferenza stampa tenuta a Roma, come si legge su Ansa.it.

Stamattina è stato rivelato il verdetto su chi si è aggiudicato il Premio Sirena d’Oro di Sorrento, che premia i migliori oli extravergine d’oliva. L’evento è patrocinato dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e i premi saranno consegnati formalmente il 25 marzo 2017 nella sala consiliare del Comune di Sorrento.

I tre migliori oli extravergine d’oliva da agricoltura biologica vengono dalla Campania, Abruzzo e Toscana. L’azienda Sole di Cajani, della provincia di Salerno, in Campania, ha ricevuto il primato per la migliore produzione Bio. Una grande soddisfazione, dunque, per tutta la regione che va oltre un punteggio ottenuto.

Come spiega Paolo Russo, presidente della Commissione Agricoltura della Camera: “L’idea del premio non è solo quella di premiare le aziende o di valorizzare un’impresa ma di esportare un modello che valorizza un territorio per una filiera che rispetta l’ambiente, i luoghi nel segno della qualità dell’olio raggiungendo un consumatore vicino e lontano”.

La Sirena d’Oro è stata assegnata all’olio Dop Colline Teatine, sottozona Frentano, dell’azienda agricola Tommaso Masciantonio; quella d’argento all’olio Dop Colline Pontine dell’azienda Cosmo di Russo, quella di bronzo ad un’altro olio delle Colline Pontine ma dell’azienda Iannotta Lucia.

Per il biologico, la Sirena d’Oro è stata vinta dall’azienda Sole di Cajani (Salerno). L’argento è andato all’azienda agricola Quattrociocchi di Frosinone, il bronzo al Frantoio Franci di Grosseto.

È stato inoltre assegnato un premio speciale al migliore olio di oliva biologico della Campania, vinto dall’azienda agricola San Salvatore della provincia di Salerno. Una doppia vittoria per la Campania.

LEGGI ANCHE  I The Dik's Brothers, la band vesuviana canta sulle note del "pianoforte di tutti"

Potrebbe anche interessarti