Il Regno delle Due Sicilie studiato in carcere: esempio di economia ideale

Regno delle Due Sicilie

NapoliStoria ed Economia del Regno delle Due Sicilie sono state al centro di un progetto formativo nel carcere di Secondigliano, a Napoli. 10 reclusi tra i 27 ed i 62 anni hanno preso parte ad un laboratorio del CPIA (Centro provinciale istruzione per gli adulti) Napoli 1 – Sezioni carcerarie sulle produzioni industriali, artigianali ed agricole del Sud pre-unitario.

Gli studenti hanno esaminato la “Carta dei prodotti alimentari delle province continentali del Regno delle Due Sicilie”, redatta nel 1854 dal geografo brindisino Benedetto Marzolla ed approfondito eccellenze industriali come lo stabilimento siderurgico di Pietrarsa. Tra le produzioni artigianali, focus sui pastifici di Torre Annunziata, una tradizione secolare rimasta attiva fino agli ultimi anni.

“Dieciprimi s.r.l.” un’ impresa aderente al “Progetto CompraSud”, ha fornito i bilanci per uno studio comparativo. Studenti e docenti del CPIA Napoli 1 hanno ricevuto un attestato di merito dalla Fondazione Il Giglio, che promuove il recupero della memoria storica delle Due Sicilie ed il Progetto CompraSud.

Potrebbe anche interessarti