Zinedine Machach, nuovo acquisto del Napoli: come Zidane, di nome…e di testata!

Zinedine Machach è il nuovo acquisto del Napoli, ufficializzato ieri in serata, dopo le consuete visite mediche di routine tenutesi a Villa Stuart, firma un contratto quadriennale fino al 30 Giugno 2020.

Ma chi è Zinedine?

Zinedine nasce in Francia nel 1996, da padre marocchino e madre algerina. Fu il padre a decidere di battezzarlo con il nome del grande fuoriclasse francese Zidane, da sempre suo idolo, spianando e indirizzarlo inconsciamente a quello che sarebbe stato anche il suo destino: vivere e lavorare nel mondo del pallone!

Il suo talento non stenta ad esplodere da subito, considerato uno dei giocatori più forti dal suo esordio nelle giovanili del Cannes, per poi crescere e formarsi tra il Tolosa e il Marsiglia, esordendo giovanissimi in Ligue 1.

Ma si sa, il grande talento deve essere sempre affiancato da una grande testa e da una personalità mite e temperata, caratteristica assente nella lista delle qualità del giocatore francese. Infatti la sua testa calda e il suo carattere irruento e violento, lo ha condotto al licenziamento. Infatti l’episodio scatenate, che condusse a questa tragica decisione, fu una presunta testata, in assenza di testimoni oculari, in pieno volto all’allenatore delle riserve del Tolosa, colpevole di non averlo scelto e inserito nella lista dei rigoristi. E in questo caso, possiamo affermare: Zinedine di nome, e di… testata, ricordando quella che il suo omonimo, più famoso, diede durante la finale dei Mondiali 2006, al difensore italiano Materazzi.

Per quanto riguarda la sua preparazione tecnica, è innegabile che il giovane francese abbia ottime qualità, un  buonissimo controllo palla-al-piede e soprattutto una visione e una lettura di gioco che gli permette con facilità di svolgere il ruolo di regista in campo. Alto 196 centimetri, ha fatto della sua altezza un punto di forza. Infatti, anche se a primo impatto può sembrare un pò rozzo, in quanto all’altezza bisogna considerare una struttura fisica e muscolare davvero notevole, in realtà è abbastanza veloce, nella corsa in atto e meno nello scatto iniziale, ma capace di recuperare nei metri, e soprattutto di difendere e non lasciarsi strappare il pallone con facilità, dando non poco filo da torcere all’avversario. Per queste sue qualità può ricoprire diverse ruoli, e si sa che per Sarri, la duttilità e la versatilità di un calciatore, sono qualità essenziali. Da centrocampista, ruolo di nascita, può essere spostato con facilità sulla fascia offensiva, utilizzandolo sia come mezzala che come esterno, soprattutto perchè possiede un tiro ben calibrato e propenso al goal.

Il giocatore si è già unito al gruppo, sottoponendosi ai dovuti esami valutativi di Sarri. Per la sua giovane età e per un talento ancora da correggere e affinare, verrà, con molta probabilità mandato in prestito.

Potrebbe anche interessarti