Parte Resto al Sud. Incentivi per gli under 35, fino a 200000 euro. Come ottenerli

 

SudImportante iniziativa del Governo contro la fuga di cervelli dal meridione con Resto al Sud. Il bando è dedicato a tutti i giovani under 35 residenti nelle 8 regioni del Mezzogiorno: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. L’incentivo, promosso dal Ministro per la Coesione territoriale ed il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, gestito da Invitalia, sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali che possano rilanciare l’economia del Sud.

Sono 1,25 i milioni di euro stanziati per Resto al Sud che saranno assegnati ai migliori progetti presentati. Ogni vincitore riceverà un finanziamento massimo di 50.000 euro, che può arrivare ad un massimo di 200.000 euro nel caso di più richiedenti/vincitori, già costituiti in società o prossimi alla costituzione. A partire dalle 12.00 di lunedì 15 gennaio 2018, gli aspiranti imprenditori potranno presentare domanda sul sito di Invitalia per chiedere le agevolazioni.

I giovani per partecipare all’iniziativa Resto Sud oltre ad avere tra i 18 e i 35 anni devono essere residenti in una delle regioni del Sud Italia, poi NON devono: avere un rapporto di lavoro a tempo indeterminato; essere titolari di altre imprese attive; avere avuto altri agevolazioni negli ultimi 3 anni. Va sottolineato che con quest’iniziativa sarà possibile avviare un’attività imprenditoriale in tutti i settori, eccetto le libere professioni e del commercio.

Solo le imprese di vendita dei beni prodotti nell’attività di impresa saranno consentite come attività commerciali. Verrà dato rilievo maggiore alle attività di produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria, della pesca e dell’acquacoltura, alla fornitura di servizi, compresi quelli turistici. La condizione fondamentale per poter usufruire degli importanti incentivi è quella che le imprese destinatarie dei fondi e i giovani imprenditori dovranno rimanere per tutta la durata nelle Regioni di riferimento.

LEGGI ANCHE  Follonica: licenziati i dipendenti che chiusero due donne rom nel gabbiotto dei rifiuti

Potrebbe anche interessarti