Gaeta, tre giorni di mostre e concerti per ricordare le vittime dell’Unità d’Italia

Il Movimento Neoborbonico ha organizzato a Gaeta una tre giorni di manifestazioni, dal 16 al 18 febbraio, nell’ambito delle celebrazioni della Giornata della Memoria per le vittime meridionali dell’Unità d’Italia. L’evento, è promosso dalla fondazione Il Giglio e dai comitati Due Sicilie con il patrocinio della Real Casa di Borbone Due Sicilie, del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, dall’Associazione Nazionale Cavalieri Costantiniani con il Comune di Gaeta e i Comuni (legati alla storia delle Due Sicilie) di Casalduni, Mongiana e Motta Santa Lucia e oltre 20 gruppi neomeridionalisti e identitari.

Ci saranno mostre, concerti, convegni (quello centrale nel pomeriggio di sabato 17 con la partecipazione di Diego Fusaro, Pino Aprile, Mariolina Spadaro e Gennaro De Crescenzo), proiezioni di film, presentazioni di libri, visite guidate, cerimonie religiose con inno e alzabandiera sulla fortezza-simbolo dell’assedio e della eroica resistenza borbonica e antisabauda terminata proprio il 13 febbraio del 1861 (data scelta come “giornata della memoria” ricordando la fine del Regno delle Due Sicilie).

Potrebbe anche interessarti