Sorrento, flash mob per la turista stuprata: “Offese come donne. Basta violenza”

scarpe-rosseSolidarietà e grido di stop alla violenza sono alla base del flash mob organizzato da un gruppo di donne di Sorrento per il 20 maggio 2018. Si riuniranno nell’area pedonale davanti all’ingresso della cattedrale indossando qualcosa di rosso per mostrare la propria vicinanza alla turista inglese stuprata da un gruppo di uomini in un albergo di Meta.

La mobilitazione è partita dal gruppo facebook “Penisola Sorrentina Sicura”. Il flash mob vuole essere un momento per riflettere su quanto accaduto e per dire basta alla violenza sulle donne. Ancora più importante e significativo è il gesto delle donne di Sorrento di costituirsi parte civile al processo contro gli stupratori della donna inglese.

Come si legge su Il Corriere del Mezzogiorno, l’avvocato Elena Coccia si occuperà di rappresentarle.  “Ci sentiamo offese come donne. Basta violenza, basta omertà”, denunciano le donne. A questa battaglia giudiziaria prenderanno parte anche le ragazze del Collettivo Studentesco della Penisola sorrentina, l’associazione culturale “Sfumature in Equilibrio” di Meta, l’Arcigay di Napoli.

In occasione del flash mob sarà lanciata una campagna di adesione all’iniziativa giudiziaria contro gli stupratori di Sorrento.

Potrebbe anche interessarti