Napoli, cane costretto a vivere legato a una catena di un metro: è stato salvato

Nonostante le tante campagne contro l’abbandono dei cani, in estate il triste fenomeno raggiunge sempre cifre importanti. A Napoli, gli agenti della Polizia Municipale appartenenti al reparto Tutela Ambiente, sono intervenuti in Via Amerigo Vespucci dopo alcune segnalazioni di cittadini e associazioni. Nella strada sopracitata, hanno trovato un grosso cane molossoide legato con una catena di 1 mt. e l’installazione di una cuccia sul suolo pubblico.

Gli agenti sono intervenuti insieme al personale dell’ASL Veterinaria, identificando il responsabile del cane, un residente della zona di anni 54, già in precedenza denunciato per gli stessi motivi.

Lo stesso intervento era stato effettuato nello scorso mese di luglio al fine di mettere fine al controllo di aree pubbliche esercitato con il presidio di cani di grossa taglia per intimorire i passanti e poter disporre di angoli di strada per probabili affari legati alla malavita organizzata, sottoponendo a maltrattamenti gli animali.

Il cane, in stato di abbandono, era costretto a vivere legato ad una catena di 1 metro ed esposto alle avverse condizioni climatiche. Ora è stato prelevato dal Servizio Veterinario dell’ASL e affidato, su disposizione della Procura della Repubblica, ad una struttura idonea mentre il responsabile è stato nuovamente denunciato all’A.G. per mancata cura del cane.