Ragazza accoltellata, la madre: “Le denunce di mia figlia non sono state ascoltate”

Non si dà pace Maria Sosero, la madre di Morena Albino, la 19enne accoltellata sul Lungomare di Napoli l’altro ieri.

Erano le 15.30 circa quando la ragazza è stata trasportata al Loreto Mare e alla mamma giunta al Pronto Soccorso le avrebbe detto: “Mentre mi colpiva, diceva: “Se tu non sei mia, non devi essere di nessun altro. Tua madre ti deve piangere al cimitero, ti deve portare un fiore”. Ho visto la morte con gli occhi, mamma“.

Era dalle 8 di mattina che lui la osservava da lontano, aveva già progettato tutto. Gli amici l’avevano notato ma non avevano capito che era il padre di mio nipote“, ha raccontato.

E’ ferita gravemente ad un polmone ed è stata colpita anche allo stomaco, ma ora è fuori pericolo. “Basta con tutta questa violenza. Le denunce di mia figlia non sono state ascoltate. A questo punto, se non sarà la legge a fare giustizia, me la farò da sola, con le mie mani. Quello che è successo a lei, non deve capitare più a nessun’altra ragazza“, ha raccontato a Repubblica.it Maria Sosero.

Potrebbe anche interessarti