Mertens a 360°: “La Juventus non mi ha ancora convinto. Sarri mi manca, ma…”

Dries Mertens ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni de “La Gazzetta dello Sport”, parlando di tutto: dagli obiettivi azzurri al suo momento personale, fino a Maurizio Sarri. Ecco gli stralci più interessanti:

Sulla gara con la Juve: “È stata una partita molto sfor­tunata, ma il Napoli ha dimo­strato di esserci. Ce la siamo giocata ed è giusto puntare al massimo. Loro hanno fatto grandi acquisti e forse sono più forti di prima, ma onestamente non mi hanno ancora convinto del tutto. A Torino abbiamo provato a vincere senza paura”.

Sullo Scudetto e sul suo momento: “Il Napoli c’è. Anche la Juve in­contrerà delle difficoltà e noi dovremo approfittarne. Le altre? Forti anche loro, penso so­prattutto all’Inter. Doveroso essere ambiziosi. Nelle scorse stagioni ho segna­to parecchio, soprattutto due anni fa. Quest’anno sogno di farne almeno uno in più”.

Su Ancelotti:Dopo il Mondiale ero stanco, arrivare in ritardo non è stato facile. Ho parlato con Ancelotti spiegandogli che all’inizio avrei preferito essere gestito. Quindi, mi raccomando: scelta mia, non tecnica! (ride, ndr). Con Ancelotti c’è un bel rapporto e il lavoro prosegue. Le vittorie con Liver­pool e Sassuolo ci hanno dato fiducia, perché ottenute cam­biando tanto. Tutti coinvolti, ognuno di noi ha risposto”.

Su Maurizio Sarri:Se mi manca Sarri? Se rispondessi di sì ci sarebbe­ro i “titoloni”, ma che problema c’è se dico che mi sono trovato bene con lui? Mi divertivo e il suo gioco era scritto sul mio corpo. E questo discorso non c’entra assolutamente nulla con Carlo col quale, come det­to, ho un ottimo rapporto”.

Infine, sul futuro:Mercato? C’è stato qualcosa ma sto bene a Napoli. Rinnovo? Non ne abbiamo parlato ma ho 31 anni, forse qual­cuno lo dimentica perché sem­bro più giovane, ma ormai sono un vecchietto”.

Potrebbe anche interessarti