Tragedia Norman Atlantic: Napoli finanzia il viaggio per ritrovare il disperso partenopeo

Norman Atlantic NApoli

Sono trascorsi mesi ormai dall’incendio della Norman Atlantic del 28 Dicembre 2014, ma del napoletano disperso Carmine Balzano , ancora non ci sono notizie. La famiglia continua a sperare e ad aspettare il ritorno a casa o almeno notizie che possano mettere a tacere una volta per tutte i dubbi in merito all’accaduto, ma purtroppo di Carmine Balzano sembrano essersi perse tutte le tracce.

Molte persone dello spettacolo, da Nino D’Angelo, Sal Da Vinci, Gigi Finizio, i comici di Made in Sud e molti altri ancora si sono mobilitati per esprimere la loro solidarietà alla famiglia e gridarla ad alta voce, perché fino a quando non ci sarà chiarezza, per Carmine Balzano non ci sarà pace.

Nasce anche su Facebook la pagina “Carmine Bolzano. Ancora non è finita” ma non basta, occorre fare qualcosa, ma purtroppo la famiglia di Carmine continua ad essere abbandonata al proprio dolore. Come riporta il Corriere del MezzogiornoMario,il figlio del cinquantasettenne disperso, dopo aver aspettato (forse anche troppo) che qualcosa venisse scoperto, ha deciso di partire per raggiungere l’Albania e fare luce su una situazione che col passare dei giorni, continua a degenerare.

Purtroppo le condizioni economiche della famiglia restano precarie, e se a questo si aggiunge anche il fatto che inspiegabilmente gravi problemi economici fanno risultare bloccato il conto corrente di Carmine Balzano, allora andare avanti per una famiglia che ha sempre vissuto con un unico stipendio, è davvero difficile se non addirittura impossibile.

Il viaggio in Albania per Mario Balzano non sarà certo una cosa da niente, e così Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della trasmissione radio “La Radiazza”, lanciano una gara di solidarietà per sostenere le spese del viaggio.

LEGGI ANCHE  Napoli, impiegata in banca prosciuga il conto di una cliente: ecco come faceva

“Mercoledi’ 18 febbraio Mario partirà in aereo per andare a cercare il padre – spiegano i promotori dell’iniziativa -. La famiglia sta denunciando lo stato di abbandono in cui sono stati lasciati, si tratta di una famiglia disagiata e monoreddito che ora non può neanche accedere al conto corrente del capofamiglia. Le donazioni sono state molto meno rispetto ai mi piace su Facebook. In ogni caso si potrà sostenere il viaggio di Mario continuando a versare sul cc pubblicizzato sulla pagina Facebook”. Con queste parole, Gianni Simioli e Francesco Emilio Borrelli, chiedono a chiunque si sentisse di farlo, di partecipare anche con una piccola donazione, per finanziare il viaggio di Mario Balzano e alleggerire le spese ad una famiglia che da mesi ormai vive un dramma senza spiegazioni.

Potrebbe anche interessarti