Napoli, poliziotto trova 100mila euro: è uno scherzo, la stampa nazionale ci casca

Napoli – Sta facendo il giro del web la notizia di un ex poliziotto napoletano, più precisamente di Castellammare di Stabia, che avrebbe trovato 100mila euro per strada, in Penisola Sorrentina, e li avrebbe consegnati al commissariato per restituirli al legittimo proprietario.

La stampa locale più autorevole e una delle principali testate online nazionali si sono subito sprecate in parole di elogio (salvo poi correggere successivamente il tiro) nei confronti dell’uomo: peccato però che fosse tutto uno scherzo. Attraverso una banale ricerca con Google, infatti, è possibile risalire all’origine della foto postata dall’uomo, presente in altri siti già nel 2011, ossia almeno 6 anni fa.

Noi di VesuvioLive abbiamo anche contattato l’uomo chiedendogli delucidazioni, ed egli ci ha assicurati che si tratta di una bufala. In tutto l’articolo abbiamo deciso di non riportare il nome dell’ex poliziotto per motivi di privacy, dato che, essendo sua intenzione scherzare con gli amici, riteniamo che sia inopportuno spiattellare il suo nominativo.

La conversazione con l’ex poliziotto

Si trattava, perciò, di un semplice post scritto dall’ex poliziotto per scherzare un po’ con i suoi amici. Qualcuno l’ha preso sul serio e, senza preoccuparsi minimamente di verificarne l’autenticità, ne ha perfino scritto degli articoli.

Uno degli articoli apparsi sul web

In un periodo in cui è acceso il dibattito sulle fake news ci si aspetta, infatti, che le redazioni compiano le opportune verifiche delle notizie. Se la fiducia della gente comune nella stampa attualmente scarsa, questi episodi contribuiscono a farla diminuire ulteriormente e a ragione, dato che solitamente basta una semplice ricerca sul web per evitare di incappare in errori grossolani.

Desta parecchia meraviglia che perfino delle maggiori testate nazionali sia pressoché assente l’abitudine di verificare le notizie. È così che uno scherzo ai propri amici di Facebook si può trasformare nella notizia del giorno.

Una ricerca su Google mostra che la foto è apparsa sul web nel 2011

Potrebbe anche interessarti