Napoli, strade disastrate dopo i lavori per la fibra ottica: “In arrivo denunce”

Strade lasciate in condizioni disastrose dopo i lavori per la fibra ottica: succede a Napoli così come in tutta Italia, dove le società che eseguono gli interventi non ripristinano correttamente – o non lo fanno affatto – il manto stradale. La conseguenza è la permanenza di buche che, col tempo, diventano sempre più grosse mettendo in pericolo l’incolumità dei cittadini, specialmente pedoni, ciclisti e motociclisti.

“Corso Vittorio Emanuele è l’ultima strada diventata un pericolo, soprattutto per i motociclisti, a causa dei lavori per portare la fibra ottica anche in quella zona della città”.

A denunciarlo i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e il consigliere comunale di Napoli, Marco Gaudini, per i quali “a Napoli come in altre città della Campania negli ultimi anni molte strade sono state danneggiate dai lavori necessari per il passaggio dei cavi della fibra ottica, ma quello che sta succedendo al corso Vittorio Emanuele va oltre ogni logica”.

“Nei fatti, in attesa del rifacimento del manto stradale a spese delle società telefoniche, che non si sa quando sarà rifatto, hanno messo del pietrisco scivoloso che rende difficile la circolazione, soprattutto per moto e scooter” ha aggiunto Borrelli per il quale “bisogna porre immediatamente rimedio, almeno con dei rattoppi in asfalto, perché si rischiano incidenti. Napoli è piena di strade su cui varie aziende hanno fatto lavori peggiorando spesso la qualità già non ottimale delle aree carrabili. Hanno causato buche e hanno messo “rattoppi” pessimi. Stiamo prevedendo una denuncia verso le società che hanno causato questo disastro e abbiamo chiesto all’Assessore comunale competente quante e quali strade sono state riasfaltate dagli artefici di questi interventi”.

Potrebbe anche interessarti