Due celebri poesie napoletane per la Giornata Mondiale della Poesia

poesie napoletane

Ogni 21 marzo, dal 2000, in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Poesia.

Istituita dall’Unesco, la giornata coincide con il primo giorno di primavera, come a simboleggiare la venuta delle giornate più lunghe, quelle giornate in cui ci si può perdere nei versi degli autori.

La poesia, come la musica, racchiude in sé il concetto più puro e, allo stesso tempo, più completo dell‘essenza umana: la creazione. Creare qualcosa dal nulla è un dono, ma anche una condanna a volte, perché ciò che si crea può condizionare non solo una vita, ma addirittura un’epoca.

Alcuni autori in particolare, se non un’epoca, hanno condizionato, quanto meno, il tessuto culturale partenopeo e la tradizione legata al pensiero, all’approccio alle cose quotidiane: uno di essi è  Eduardo, maestro di teatro e di vita, di cui i versi, sia scritti che interpretati, restano fette di immortale saggezza.

Una poesia che vogliamo ricordare e che ci fa ricordare di Eduardo De Filippo è “‘a gente”, tramite la quale possiamo capire, pienamente, quanto la commedia e il teatro fossero per lui l’aria e la vita:

” ‘A ggente ca me vede mmiez’ ‘a via
me guarda nfaccia e ride. Ride e passa.
Le vene ammente na cummedia mia,
se ricorda ch’è comica, e se spassa.
Redite pè cient’anne! Sulamente,
v’ ‘o vvoglio dì pè scrupolo ‘e cuscienza:
io scrivo ‘e fatte comiche d’a ggente…
E a ridere, truvate cunvenienza?
… Nun credo”

Ma la poesia, l’arte assoluta, ha mille sfaccettature e può essere espressa in altrettanti modi; e se Eduardo era il pilastro della poesia teatrale, un ulteriore pilastro non può che essere il signor Antonio De Curtis, in arte Totò.

Attore simbolo dello spettacolo comico in Italia, soprannominato «il principe della risata», è considerato, anche in virtù di alcuni ruoli drammatici, uno dei maggiori interpreti nella storia del teatro e del cinema italiani.

E quale se non ‘A Livella rappresenta la poesia che, culturalmente, è più radicata nella nostra storia:

A’ livella è una poesia scritta sia italiano che in napoletano da Totò e racconta le vicende di un malcapitato che resta, accidentalmente, chiuso all’interno di un cimitero e assiste incredulo al dialogo che si svolge tra due ombre, appartenenti rispettivamente ad un anonimo netturbino e ad un onorevole marchese.

Ogn’anno, il due novembre,c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questi giorno,

di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente”

“Signor Marchese,nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé..-piglia sta violenza…
‘A verità,Marché,mme so’ scucciato
‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?
Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

“Lurido porco!…Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”

Numerosi sono gli autori partenopei che restano intramontabili grazie all’eco dei loro versi: da Salvatore Di Giacomo a Giuseppe Marotta, a Giambattista Vico agli interpreti della musica e la sceneggiata partenopea.

La poesia non fa grandi gli uomini, ma sono i grandi uomini a rendere grande la poesia ed è grazie a loro se la poesia non è morta. Del resto, essa vive nell’essere umano come spinta più profonda di espressione. Pertanto, morirà con esso.

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più