Le “Casarelle” di Aversa, il regno delle scarpe vendute nelle casette

scarpe-con-i-tacchiPaese che vai, zona dello shopping che trovi. Ogni città ha la propria area dedicata al passeggio ed all’acquisto sfrenato, come il comune di Aversa che può vantare i famosi vicoli detti le “Casarelle”, formata da una serie di negozietti di scarpe, situati all’interno di palazzi e casette (da qui il nome di “Casarelle”, appunto), nel centro storico del paese fondato dai normanni.

Questa sorta di mercatino “alternativo” si trova nella zona compresa tra via Battisti e via Belvedere e non può passare inosservato agli amanti degli acquisti economici e delle calzature particolari e ricercate. Infatti presso le “Casarelle” vengono vendute scarpe, per lo più artigianali, a dei prezzi low cost che difficilmente si possono trovare altrove.

Bisogna stare con le antenne dritte quando ci si reca alle “Casarelle” perché alcuni di questi piccoli negozi non sono neanche indicati da insegne luminose e quella che può sembrare dall’esterno una semplice abitazione cela al suo interno un fantastico mondo fatto di calzari e di affari, per chi sa fiutarli.
Altri locali, invece, negli anni si sono evoluti, aggiungendo l’insegna all’esterno, ampliandosi e diventando dei veri e propri mini outlet.

Le scarpe che si possono trovare alle “Casarelle” sono dei generi più disparati: principalmente calzature di produzione locale, di marche famose o meno note, di ottima qualità o di seconda scelta ed i prezzi vanno dai 10 euro fino ai 100. Essendo di produzione limitata spesso vengono prodotte di un unico numero e appartengono alle vecchie collezioni, in particolare nel caso dei manufatti meno costosi e non firmati.

I nomi dei negozi che si stagliano in queste stradine strette non lasciano alcun dubbio sul genere di bene che offrono nel loro interno alla clientela e vanno da “Cenerentola calzature” a “Tacchi a Spillo”. Il negozio più apprezzato sia per la merce venduta che per la disponibilità del personale, il ”Impronte”, è un locale non molto grande suddiviso in tre piccole zone differenti. Lo scaffale di destra presenta i modelli unici organizzati per numero. La parete sinistra è dove sono esposti i pezzi dei marchi più celebri e più costosi. In genere il prezzo è unico ed i numeri disponibili molto ristretti. Sul fondo ci sono gli esemplari di scarpe che appartengono a collezioni molto vecchie ed il prezzo, uguale per tutte, è di 10 euro.

Il giorno da evitare, come sempre nei luoghi di shopping, è nel tardo pomeriggio durante la settimana ed il sabato, in quanto i piccoli ambienti di queste botteghe si riempiono a dismisura di clienti alla spasmodica ricerca delle calzature più adatte da abbinare all’outfit scelto per il week-end. Da tenere a mente è, invece, il lunedì pomeriggio, quando vengono fatti i riassortimenti e si possono trovare i nuovi arrivi freschi di tintura.

Gli appassionati di scarpe o semplicemente del rilassante ciondolare senza pensieri tra uno scaffale e l’altro tipico dei leggeri pomeriggi di compere in compagnia non può non farci un pensiero ed andare assolutamente a visitare questo piccolo monumento storico tra i mercatini napoletani.

Fonti:
www.grandenapoli.it

www.lacapera.it

Potrebbe anche interessarti