Via Antiniana per Colles: la prima tangenziale di Napoli ha 2000 anni

Napoli – Oggi, la tangenziale che da Napoli arriva fino a Pozzuoli è un dolore per tutti gli automobilisti che la percorrono quotidianamente: un pedaggio che non dovrebbe esistere ed il traffico perenne che si trasforma in code interminabili, negli orari di punta, rendono la strada un vero e proprio inferno preferibile solo al caos delle strade cittadine. E pensare che la prima “tangenziale” di Napoli venne costruita la bellezza di 2000 anni fa dai romani: via Antiniana per colles. Insomma, in due millenni di evoluzione qualcosa avremmo dovuta impararla.

Bisogna considerare che, un tempo, la morfologia della nostra terra era molto diversa rispetto a quella attuale. Napoli e Pozzuoli erano separate da una vasta zona paludosa impraticabile: l’unico collegamento fra le due città era una stretta stradina, probabilmente costruita dai greci, che si inerpicava sui colli circostanti attraversando boschi e zone scoscese. I romani, introno al II secolo a.C. pensarono bene di sostituire il pericoloso passaggio con una sicura ed infinitamente più veloce strada. Una testimonianza materiale della via per Colles è costituita dalle arcate in mattoni rinvenute durante la realizzazione della stazione Salvator Rosa della Linea 1, le quali sono ora visibili nel piazzale antistante la stazione.

LEGGI ANCHE
Metro, bus, tram, funicolare: come muoversi a Napoli con i trasporti pubblici
Arcate via per Colles – Stazione Salvator Rosa

I lavori per Via Neapolis – Puteolim, questo il nome della strada, iniziarono soltanto due secoli dopo, sotto l’imperatore Cocceo Nerva e vennero ultimati sotto il figlio di quest’ultimo, Traiano, agli inizi del I secolo d.C.. La via passava comunque attraverso le colline, particolarità che le valse il nome di “per colles” (attraverso i colli).

Quanto alla denominazione “Antiniana”, con la quale ancora oggi la conosciamo, non è ancora chiara la sua origine. Alcuni studiosi sostengono derivi dal Rione Antignano, sul Vomero, attraversato dalla strada. A confermare questo percorso c’è anche quanto tramandato riguardo al primo miracolo di San Gennaro: dopo il 400 d.C., infatti, la processione che da Pozzuoli trasportava le spoglie del santo a Napoli, passando quindi per la strada in questione, si fermò ad Antignano quando il sangue si sciolse. Per alcuni, inoltre, il nome “Antiniana” è coevo alla fondazione della strada, per altri, invece, venne attribuito soltanto intorno al XVIII secolo.

LEGGI ANCHE
Angela Iacobellis, l'angelo del Vomero: la sua storia

Quel che è certo è che la via Antiniana per colles non favorì solo i collegamenti fra Napoli e Pozzuoli, ma lo sviluppo stesso dell’area urbana. Attraversando tutta la parte interna fra l’attuale Vomero ed i confini puteolani la “tangenziale” si diramava fra i vari aggregati abitativi diventando un’arteria per commerci e scambi importantissimi. Gli storici sono concordi nel ritenere che fu proprio questa strada a trasformare la parte collinare di Napoli da zona disabitata a quartiere residenziale per nobili e possidenti locali.

Potrebbe anche interessarti