Incredibile: rubata una statua durante la mostra “L’ eterno femminio”

 

statua rubata

Quando è il caso di dire “Può succedere solo a Napoli”. Una storia inverosimile quella che si è trovata a vivere in prima persona l’artista partenopea Chiara Rojo, scultrice dal grande talento che, partecipando all’evento “L’eterno Femminino” al complesso di San Severo al Pendino, si è vista rubare l’opera in gara, proprio sotto i suoi occhi.

Una vicenda che ha veramente dell’incredibile, considerando che l’opera è stata sottratta dal suo piedistallo durante gli orari di apertura al pubblico, davanti a centinaia di persone e sotto il naso degli addetti alla vigilanza. L’artista è stata avvisata telefonicamente dagli organizzatori della mostra che, comunicandole della sua vittoria, non hanno potuto fare a meno di aggiungere che però, la scultura vincitrice del premio, non si trovava più!

L’evento infatti prevedeva la premiazione con tanto di targa alla migliore opera in esposizione, premiazione che avverrà questo pomeriggio, nonostante l’opera sia scomparsa.

Impossibile rintracciare i responsabili del gesto visto che l’edificio è sprovvisto di telecamere di sorveglianza e nessuno si era accorto di niente, fino a ieri sera, fino al momento di quella assurda telefonata.

Per ora si è aperta la caccia al  ladro ma la speranza di ritrovarla, almeno a breve, è impossibile. Chiara Rojo continua a denunciare il fatto, dichiarandosi assolutamente incredula e preoccupata. Quell’opera lei l’aveva da vent’anni e non l’aveva mai venduta visto il legame particolare che le legava. Con voce rotta e disperata la scultrice lancia il suo appello “Per piacere ridatemela. Napoli dovrebbe reagire a soprusi del genere“. Noi ci stringiamo intorno all’artista sperando che notizie simili, nella nostra città, non se ne sentano più!

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più