Video. “Vurria”, la struggente canzone che narra la voglia di tornare a Napoli

Vurria è il titolo di una delle canzoni più belle del panorama della musica napoletana. Nata nel 1958 dall’unione di due grandi della musica. Il testo infatti è stato scritto da Antonio Pugliese, mentre la musica è stata composta da Furio Rendine. Tanti gli artisti napoletani e non, che hanno interpretato il brano, quali: Aurelio Fierro, Nunzio Gallo, Claudio Villa, Mario Merola, Roberto Murolo, Sergio Bruni, José Carreras, Placido Domingo e Mario Del Monaco.

Un testo struggente unito all’emozionante musica, racconta il desiderio e la voglia di tornare a Napoli, di chi per motivi di lavoro o altro ha dovuto lasciare la città e la persona amata. È la storia di un uomo che in una stanza fredda e buia ha nostalgia di Napoli, della sua terra e della persona amata. Una solitudine che è quasi una malattia una “Freva”, una smania, una collera, che il protagonista vive nel non poter vedere la propria città.

Basterebbe “un’ora sola” cita il testo, un’ora sola di Napoli della sua vitalità rappresentata da mille mandolini per superare lo stato d’anima del protagonista. La lontananza che viene vissuta come una croce. Un amore, una voglia talmente forte di ritornare nella sua città, dalla sua amata, tanto da sognarla di notte. La canzone è un vero e proprio inno per chi è lontano da Napoli, ieri come oggi. Sono tanti i napoletani sparsi nel mondo che vivono un sentimento di nostalgia verso la tanto amata città.

Il brano ha anche ricevuto premi importanti ed è stato utilizzato come colonna sonora di “Terra Nostra” una telenovela brasiliana andata in onda anche in Italia, che racconta proprio la storia di emigranti italiani che si sono trasferiti in Brasile.

Di seguito il testo originale in lingua napoletana.

“Vurria”

Dint’a na stanzulélla fredda e scura,
addó’ na vota ce traseva ‘o sole,
mo stóngo io sulo…e tengo na paura
ch’a poco a poco, mme cunzuma ‘o core…

Paura ca mme struje ‘sta malatia
senza vedé cchiù Napule,
senza vedé cchiù a te…

Vurría turná addu te,
pe’ n’ora sola,
Napule mia…
pe’ te sentí ‘e cantá
cu mille manduline…
Vurría turná addu te
comm’a na vota,
ammore mio…
pe’ te puté vasá,
pe’ mme sentí abbracciá…
‘Sta freva
ca nun mme lassa maje!
‘Sta freva
nun mme fa cchiù campá…

Vurría turná addu te
pe’ n’ora sola,
Napule mia…
Vurría…vurría…vurría…
ma stóngo ‘ncróce!
Stanotte, dinto suonno, si’ turnata…
Mm’accarezzave, chiano, ‘sta ferita…
Aggio sentuto mille serenate,
aggio sentuto Napule addurmuta…
Po’, ‘mmiez’a tanta nebbia, só’ caduto…
senza vedé cchiù Napule, 
senza vedé cchiù a te!…

Vurría turná addu te

Il video

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=jdWEr1WGKdU[/youtube]

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più