Teatro San Carlo: in scena la Madama Butterfly con Ferzan Ozpetek

Teatro San CarloDal 16 al 20 Aprile, il Teatro San Carlo tornerà a vestire panni orientali. Tutto è pronto per la Madama Butterly, la famosa opera di Puccini che, oltre a portare l’aria del Sol Levante, avrà con sé un po’ di Turchia. La regia è infatti di Ferzan Ozpetek.

Il regista di Napoli Velata e delle Fate Ignoranti non è nuovo al mondo della Lirica. Egli si era già preso gli applausi del Real Teatro poco tempo fa, con la Traviata di Giuseppe Verdi. Ora si ritrova a dover fare i conti con un altro culto dell’Opera italiana.

La Madama Butterfly è stata composta da Giacomo Puccini nel 1903, su un libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. L’opera narra della breve e fatale storia d’amore tra un soldato americano di stanza a Nagasaki, Tenente Pinkerton, e la geisha quindicenne Cio Cio-san. Così tra arie entrate nella storia della cultura europea (come “Un bel dì vedremo”, “Addio fiorito asil” e “Dolce notte, quante stelle”) e ciliegi in fiore, sembra di vivere uno spaccato sul Giappone di inizio ‘900.

Anche il cast è di prim’ordine. Parliamo di attori come Evgenia Muraveva e Rebeka Lokar, che interpreteranno Cio-san, e poi Saimir Pirgu e Angelo Villari nel ruolo di Pinkerton. Da segnalare anche Raffaella Lupinacci e Chiara Tirotta nel ruolo di Suzuki, l’ancella della protagonista, e Giovanni Meoni e Filippo Polinelli nel ruolo del console degli Stati Uniti a Nagasaki.

Ancora una volta il San Carlo si fa palcoscenico della grande musica classica, questa volta con un regista particolare.

Per maggiori info: https://www.teatrosancarlo.it/it/spettacoli/madama-butterfly-2019.html?fbclid=IwAR2ozp0H9btc4on2BCY7J-7Ff_CF0-XJQzOaKBUruPnekNwGY7fM9d1hMLw

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più