“Tutto il mondo è palcoscenico”: il genio di Shakespeare celebrato al Maggio dei Monumenti

NAPOLI – Un Maggio dei Monumenti all’insegna del grande teatro di Shakespeare. Ieri, venerdì 10 maggio, a Palazzo San Giacomo, è stata presentata la rassegna teatrale “Tutto il mondo è palcoscenico” che si svolgerà dal 14 al 24 maggio nel Succorpo della Basilica della Santissima Annunziata Maggiore.

A due anni dall’ultima edizione, dunque, torna la celebre rassegna dedicata all’opera di William Shakespeare,  inserita per l’occasione nell’ambito del Maggio dei Monumenti. Questa IV edizione, la cui direzione artistica è di Gianmarco Cesario, ha come tema principale l’amore, analizzato nelle varie sfaccettature presenti nelle opere del drammaturgo inglese.

Il programma de “Tutto il mondo è palcoscenico” prevede sei spettacoli teatrali e un workshop dedicato allo studio dell’”Amleto” a cura del drammaturgo e regista Mirko Di Martino. Inoltre, al termine di ogni pièce, il pubblico potrà confrontarsi e interloquire con gli artisti presenti. Ogni confronto sarà moderato da uno studioso dell’opera del drammaturgo inglese.

Soddisfazione per Gianmarco Cesario: «Otto spettacoli in cartellone, un workshop e incontri con gli esperti di teatro che al termine di ogni spettacolo incontreranno il pubblico e racconteranno il loro punto di vista su Shakespeare. Il workshop è sull’”Amleto”, mentre gli spettacoli sono quasi tutti spettacoli originali e si rifanno a Shakespeare, ad eccezione di una mia versione personale di “Sogno di una notte di mezza estate” e de “La tempesta”».

L’assessore alla cultura Nino Daniele ha dichiarato: «Sono molto contento per questa bella iniziativa che dobbiamo a Gianmarco Cesario. In particolare, la rassegna avrà come luogo lo splendido gioiello vanvitelliano che è il Succorpo del’Annunziata, spazio che ha una funzione molto rilevante nell’identità e nella storia di Napoli. E’ un luogo dedicato ai bambini e all’infanzia e credo che, rivitalizzarlo in questo momento, dandogli vitalità culturale, significa dare una grande forza alla nostra città».

Il programma

Martedì 14 maggio: “L’amore è bello, l’amore fa schifo (e le donne in Shakespeare)”, diretto da Emanuele Tirelli. Lo spettacolo indaga il significato della coppia, mediante un confronto con il pensiero di Deleuze, Lacan, Schopenhauer.

Mercoledì 15 maggio: “Woman Drama” regia e coreografia di Enzo Padulano. La pièce è dedicata ad alcune delle principali figure femminili della drammaturgia shakespeariana, quali Cleopatra, Ofelia, Giulietta e Lady Macbeth.

Giovedì 16 maggio: ““Les chanson médiévales” a cura di Patrizia Di Martino. Lo spettacolo offre un confronto tra il tema dell’amore dei “Sonetti” di Shakespeare e l’amore del Medioevo cortese.

Venerdì 17 maggio: “Love in Shakespeare” di Sarah Falanga (il 17 maggio). La pièce analizza i momenti, sia moderni che antichi, del sentimento amoroso presenti nelle drammaturgie di Shakespeare.

Sabato 18 e martedì 21 maggio (con repliche il giorno dopo): “Sogno di una notte di mezza estate” di Gianmarco Cesario e “La tempesta” di Salvatore Sannino.

Venerdì 24 maggio: “Shakespeare, amore mio” di Maximilian Nisi. Spettacolo di chiusura della rassegna teatrale, autentico atto d’amore del regista per l’opera di Shakespeare.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più