Loading...

Napoli, il pozzo di Santa Candida e la sua acqua miracolosa

Santa Candida
Foto di Armando Grimaldi

Napoli non finisce mai di sorprendere. Con i suoi quasi 2500 anni di vita, Partenope è uno scrigno di tesori, molti dei quali ancora inesplorati.

E’ il caso del pozzo misterioso di Santa Candida e della sua acqua miracolosa. Questo si trova nella chiesa di San Pietro ad Aram, sita all’inizio di corso Umberto, il famoso Rettifilo.

Santa Candida è stata una delle prime sante di Napoli e la leggenda vuole che l’acqua di questo pozzo fosse lenitrice dei dolori del parto. Un’acqua taumaturgica che veniva fatta bere alle donne gravide per alleviare i dolori, ma non solo, era considerata una sorta di panacea per gli infermi.

Secondo la tradizione Santa Candida era un’anziana donna del paese, afflitta da gravi infermità fisiche dovute a reumatismi. L’apostolo Pietro passando per Napoli per raggiungere Roma, fu supplicato dalla donna di guarirla, promettendogli in cambio la sua conversione al Cristianesimo.

Pietro la fece immergere nell’acqua di un pozzo e la donna all’istante guarì. Candida a quel punto chiamò anche un suo amico malato di emicranie, Aspreno, il quale fu anch’esso guarito dall’apostolo e nominato poi vescovo di Napoli. Candida morì nel 78 d.C., martire a Napoli, al tempo dell’imperatore Vespasiano (68-89 d.C).

In questa cripta si formò il primo nucleo di cristiani di Napoli e successivamente divenne luogo di sepoltura. Negli anni in questa catacomba si diffuse il culto delle “capuzzelle” simile a quello presente nel Cimitero delle Fontanelle. Sulla cripta venne edificata la Basilica di San Pietro ad Aram, che secondo la tradizione, custodirebbe l’Ara Petri, ovvero l’altare su cui pregò San Pietro durante la sua visita a Napoli. Qui l’apostolo battezzò santa Candida e sant’Aspreno, i primi napoletani convertiti al Cristianesimo, come narra anche l’affresco nel vestibolo (recentemente attribuito a Girolamo da Salerno).

san pietro ad aram
San Pietro ad Aram

L’attuale ristrutturazione è del XVII secolo (compiuta negli anni fra il 1650 e il 1690), su precedente disegno di Pietro De Marino e Giovanni Mozzetta.

Secondo il calendario liturgico cristiano Santa Candida viene celebrata il 4 settembre, in onore di Candida la Vecchia, martire di Napoli.

san pietro ad aram interno.jpg
San Pietro ad Aram, interno

 

catacombe San Pietro ad Aram
Catacombe San Pietro ad Aram

FONTI:

www.santiebeati.it

www.bibliotecauniversitarianapoli.beniculturali.it

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più