Gianni Minà cittadino partenopeo: “Napoli è la fabbrica di tutto quello che ho amato”

NAPOLIGianni Minà cittadino di Napoli. Ieri, sabato 8 giugno, nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha conferito al giornalista torinese la cittadinanza onoraria della città partenopea.

«Giornalista, scrittore, conduttore televisivo e comunicatore che con i suoi reportage, documentari e interviste ha fatto la storia del giornalismo italiano e internazionale». Queste le motivazioni della delibera che sancisce il definitivo riconoscimento della città di Napoli nei riguardi di uno dei giornalisti che più ha saputo raccontarne le vicende e i protagonisti, da Eduardo De Filippo a Massimo Troisi, passando per Pino Daniele e Diego Armando Maradona.

A proposito del concetto di “napoletanità” Minà ha affermato: «Sapere che ci sarà sempre qualcuno che avrà solidarietà per te. Questa città è la fabbrica di tutto quello che ho amato nei miei anni di giornalismo e io ho 60 anni di mestiere, per cui ho visto passare tante cose. Ho nostalgia dell’epoca in cui mi alzavo, tiravo su la cornetta del telefono e raccontavo qualcosa che per esempio Massimo Troisi avrebbe banalizzato trasformandolo in una capacità di dire che avrebbe fatto ridere la gente».

Riguardo Maradona, invece, Minà ha dichiarato: «Lavoro da anni su certi argomenti e per esempio con Maradona ho fatto un grosso lavoro di conoscenza perché aveva e ha molti difetti, però è una persona leale. Se tu giornalista, invece, fai uscire fuori l’idea di una persona di mezzo, senza spina dorsale, non hai fatto un buon lavoro di giornalismo».

Soddisfazione per il sindaco Luigi de Magistris che, a proposito di Minà, ha affermato: «Un innamorato di Napoli, un napoletano. Un grandissimo giornalista, scrittore e uomo di grande coraggio e sensibilità culturale. Persona libera e autonoma, assetato di giustizia, un po’ anarchico, un po’ sregolatezza e rigore morale. Minà è una bellissima persona che apprezzavo sin da ragazzo: oggi sono orgoglioso di potergli dare la cittadinanza onoraria di Napoli».

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più