“Io vado al museo”: i musei di Napoli gratis domenica 1° dicembre 2019

Io vado al museoIl mese di dicembre è alle porte e la città di Napoli, già meravigliosa di suo, nel periodo natalizio si carica di una magia particolare.

Passeggiare a Napoli in questo periodo significa lasciarsi inebriare dall’odore di caldarroste, perdersi tra le luci delle vetrine e le risate della folla. Ma una cosa che a Napoli non manca mai è la cultura, c’è sempre spazio per questa. Ebbene, anche questo mese abbiamo l’interessante iniziativa che oramai è diventata famosa con l’hashtag #iovadoalmuseo.

Il primo giorno dell’ultimo mese di questo 2019 cade proprio di domenica, giorno dedicato all’iniziativa presentata a suo tempo da Alberto Bonisoli.

L’iniziativa Io vado al museo, promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali, prevede 20 giorni di ingressi gratuiti nell’anno solare in tutti i monumenti, musei, gallerie, siti archeologici, parchi e giardini monumentali.

Domenica 1° dicembre, potrete salire sulla collina del Vomero, arrivando ai piedi del fantastico Castel Sant’Elmo, castello medievale la cui costruzione risale al XIV sec. L’accesso sarà gratuito, la visita di sicuro interesse e la vista mozzafiato.

Inoltre, aggregato al castello, c’è anche il Museo del Novecento a Napoli dove potrete ammirare, sempre con ingresso gratuito, opere di artisti napoletani o comunque legati alla città partenopea, operanti tra il 1910 e il 1980.

Tutti i dettagli potrete trovarli sull’evento creato appositamente su Facebook. Ma non sarà solo il Castel Sant’Elmo ad accogliere turisti e napoletani. La scelta è variegata e aperta a ogni gusto. Aperti, in occasione di Io vado al museo, anche:

– La Certosa e il Museo di San Martino
– Il Museo archeologico nazionale di Napoli
– Il Museo della ceramica Duca di Martina in Villa Floridiana
– Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e Museo delle Carrozze
– Museo e Real Bosco di Capodimonte
– Palazzo Reale di Napoli
– Parco e Tomba di Virgilio

Insomma, un ricco ventaglio di scelta che non potete proprio perdervi! Per info e dettagli, basta visitare la sezione del sito dei beni culturali dedicata a questa bellissima iniziativa.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più