Napoli e Cultura: Fotografia di Strada alla Fonoteca

Fonoteca

Napoli sembra essere una città ideale in fatto di fotografia. Scorci bellissimi, volti espressivi e rugosi, opere monumentali e architetture mozzafiato sembrano essere li appositamente, da qualche intelligenza superiore, per essere fotografate. A tal proposito noi di Vesuviolive siamo lieti di segnalarvi un articolo pubblicato  dal sito IlGazzettinovesuviano.it.

Gli spazi della fonoteca di Napoli saranno ancora una volta il luogo ideale per un’iniziativa culturale da non perdere.

Questa volta in via R.Morghen 31 al Vomero si terrà una mostra fotografica a cura di Olimpia Simonetti e Roberto Miller, due giovani appassionati di fotografia e in particolare alla Street Photography “Fotografia di Strada”.

Ispirati dai lavori della grande artista Tanya Nagar, i due giovani fotografi dal 3 al 14 ottobre 2013 esporranno i propri scatti figli di un genere nuovo che vuole riprendere soggetti in situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici, al fine di evidenziare alcuni aspetti della società in modo artistico.

Sono questi i punti cardine della “Street Photography” cui gli artisti partenopei hanno deciso di appartenere.

La scelta del locale non è stata un caso.

La Fonoteca è ormai uno dei più importanti punti d’incontro creativo della città partenopea.

Negli ultimi anni propone, infatti, i suoi spazi come luoghi di esposizione anche per artisti emergenti.

Gli scatti di Roberto Miller sono stati realizzati tramite uno smartphone, mentre quelli di Olimpia Simonetti sono scatti alternati da diversi dispositivi, oltre allo smatphone: macchina fotografica compatta e reflex.

Lo scopo principale consiste nel realizzare immagini colte in un momento decisivo e ricco di pathos.

“Crediamo che la street photography rappresenti tutto ciò che questo mezzo di comunicazione debba essere-, affermano gli autori della mostra- nessuna posa, nessuna preparazione e artificiosità. Scatti “rubati” e vita reale. Questa è la fotografia che preferiamo”.

Potrebbe anche interessarti