Su Rai 2 “Vieni a vivere a Napoli”: ritratto della città partenopea nel rapporto con gli immigrati

Vieni a vivere a Napoli

“Vieni a vivere a Napoli”, in onda stasera alle 23.00 su Rai 2, è una commedia divisa in tre episodi che ritrae la città di Napoli e il suo rapporto con gli immigrati.

Il racconto sulla città partenopea è frutto del lavoro di tre registi napoletani: Edoardo De Angelis, Guido Lombardi e Francesco Prisco.

Ciascun episodio inscena il miscuglio di culture che caratterizzano Napoli, la capitale dell’accoglienza e dell’integrazione multietnica. Il racconto mette in luce ciò che succede quando il popolo napoletano entra in contatto con altre culture completamente diverse dalla propria: cingalese, cinese ed ucraina.

Protagonisti del primo episodio sono Anna e suo fratello Nino. Lui portiere, lei tata del piccolo Yoyo, un bambino cinese. Quando Anna vince un viaggio premio per una settimana, Nino scopre di essere più vicino di quanto pensasse al piccolo Yoyo.

Il secondo racconto si incentra sul personaggio di Luba Volkova, presentatrice televisiva ucraina costretta a una vita di malinconici ricordi, divisa tra il lavoro di badante di un vecchio burbero e le vicende spiacevoli che si consumano nei vicoli di Napoli.

L’ultimo episodio è legato alle vicende del fattorino Amila, originario dello Sri Lanka. Egli viene coinvolto in un vortice di concerti neomelodici e tragiche nevrosi in limousine.

“Vieni a vivere a Napoli”, prodotto nel 2016, è il manifesto di una città in perenne trasformazione reso attraverso le esperienze di personaggi resi nella loro fragilità. Nel cast Myriam Catania, Giovanni Esposito, Massimiliano Gallo, Antonio Casagrande, Gianfelice Imparato, Teresa Del Vecchio.

Potrebbe anche interessarti