David di Donatello 2020: la Campania si aggiudica 5 statuette

ROMA – Assegnati i David di Donatello 2020. Ieri sera, nell’insolita cornice priva di pubblico e con i protagonisti collegati da remoto, Carlo Conti ha presentato la 65ª cerimonia del principale premio cinematografico italiano.

Ad aggiudicarsi il maggior numero di statuette (ben sei) è stato “Il Traditore” di Marco Bellocchio con protagonista Pierfrancesco Favino. Il film, che narra le vicende di Tommaso Buscetta, è stato premiato come Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Sceneggiatura Originale, Miglior Attore Protagonista, Miglior Attore Non Protagonista e Miglior Montatore.

Ben cinque i David di Donatello campani, due dei quali assegnati proprio a “Il Traditore”. La napoletana Valeria Santella e il casertano Francesco Piccolo, infatti, si aggiudicano il premio di Miglior Sceneggiatura Originale, insieme a Marco Bellocchio e Ludovica Rampoldi.

Vince la categoria Miglior Sceneggiatura Non Originale il film “Martin Eden“, ispirato all’omonimo romanzo di Jack London e ambientato a Napoli. Ad aggiudicarsi il premio i partenopei Pietro Marcello (anche regista del film) e Maurizio Braucci.

Il premio di Migliore Miglior Attrice Non Protagonista è andato a Valeria Golino per “5 è il numero perfetto“. Si tratta del terzo David di Donatello vinto dall’attrice partenopea, dopo il premio di Migliore Attrice Protagonista nel 2006 per la “La Guerra di Mario”, e il David come Migliore Attrice Non Protagonista vinto 2014 con il “Capitale Umano”.

Tra le altre nomination campane ricordiamo quelle di Toni Servillo e Francesco Di Leva, candidati entrambi a Migliore Attore Protagonista (rispettivamente per “5 il numero perfetto” e “Il sindaco del Rione Sanità”) vinto da Pierfrancesco Favino con “Il traditore”. Carlo Buccirosso è stato candidato a Migliore Attore Non Protagonista per “5 è il numero perfetto”, premio vinto da Luigi Lo Cascio con “Il traditore”. Infine, Marco D’Amore, candidato a Miglior Regista Esordiente per “L’Immortale”, vinto da Phaim Bhuiyan con “Bangla”.

David di Donatello 2020 – Tutti i vincitori

  • Miglior Film, “Il traditore” di Marco Bellocchio
  • Miglior Regia, Marco Bellocchio (“Il traditore”)
  • Miglior Attore, Pierfrancesco Favino (“Il traditore”)
  • Miglior Attrice, Jasmine Trinca (“La dea Fortuna”)
  • Miglior Attore Non Protagonista, Luigi Lo Cascio (“Il traditore”)
  • Miglior Attrice Non Protagonista, Valeria Golino (“5 è il numero perfetto”)
  • Miglior Regista Esordiente, Phaim Bhuiyan (“Bangla”)
  • Miglior Sceneggiatura Originale, Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella e Francesco Piccolo (“Il traditore”)
  • Miglior Sceneggiatura Non Originale, Maurizio Braucci e Pietro Marcello (“Martin Eden”)
  • Miglior Montaggio, Francesca Calvelli (“Il traditore”)
  • Miglior Fotografia, Daniele Ciprì (“Il primo re”)
  • Miglior Scenografia, Dimitri Capuani (“Pinocchio”)
  • Migliori Costumi, Massimo Cantini Parrini (“Pinocchio”)
  • Miglior Trucco, Dalia Colli e Mark Coulier (“Pinocchio”)
  • Migliori Acconciature, Francesco Pegoretti (“Pinocchio”)
  • Miglior Musicista, L’Orchestra di Piazza Vittorio (“Il flauto magico di piazza Vittorio”)
  • Miglior Canzone Originale, “Che vita meravigliosa” di Antonio Diodato (“La dea fortuna”)
  • Miglior Suono, Angelo Bonanni, Davide D’Onofrio, Mirko Perri, Mauro Eusepi e Michele Mazzucco (“Il primo re”)
  • Migliori Effetti Visivi, Theo Demiris e Rodolfo Migliari (“Pinocchio”)
  • Miglior Documentario, “Selfie” di Agostino Ferrente
  • Miglior Cortometraggio, “Inverno” di Giulio Mastromauro
  • Miglior Produttore, Andrea Paris e Matteo Rovere (“Il primo re”)
  • David Speciale 2020, Franca Valeri
  • David Dello Spettatore, “Il primo Natale” di Ficarra e Picone.
  • Miglior Film Straniero, “Parasite” di Bong Joon Ho

 

 

Potrebbe anche interessarti