Palazzo Mondo, la meraviglia campana che spicca ne “Il Commissario Ricciardi”

Commissario Ricciardi Palazzo Mondo

Il Commissario Ricciardi ci continua a far sognare nella Napoli degli anni ’30, questa volta nel maestoso Palazzo Mondo. La puntata di ieri ci ha trasportati a Capodrise, provincia di Caserta, in un antico palazzo del XVIII secolo, la casa del pittore Domenico Mondo.

Domenico Mondo nacque nel 1723 a Capodrise e fu un pittore italiano allievo del Solimena, attivo intorno al 1800, oltre che un noto disegnatore ed un esponente del Barocco napoletano. Fu direttore dell’Accademia Napoletana del Disegno su richiesta di Ferdinando IV. Tra le sue mille doti vi era anche quella di poeta, sebbene dilettante: Mondo inoltre lavorò ad alcuni affreschi della Reggia di Caserta.

Il Palazzo Mondo attualmente è gestito dalla Associazione GIA.D.A. (Giardini e Dimore dell’Armonia). Si tratta di un’organizzazione culturale no-profit che l’architetto Nicola Tartaglione fondò nel 1999. Questa antica dimora, oggi ormai diventata museo, non è molto nota al pubblico ma la sua bellezza è veramente un gioiello per la Campania.

Già dalla facciata si vede l’alternanza di diversi stili, da un lato il neoclassico, dall’altra la fastosità del rococò. L’intera casa richiama questa dualità, che si guardi l’interno o l’esterno. Il restauro delle camere interne, quelle oggi accessibili, è stato fatto da Nicola Tartaglione. Le stanze aperte al pubblico sono la camera da pranzo, un salotto, uno studio con pareti dipinte con bordi “all’etrusca”, una sala della preghiera con una statua della Madonna Pellegrina, un salotto, una camera da letto rosso pompeiano, oggi diventato a baldacchino.

Una cosa che salta all’occhio sono i colori vivaci delle stanze, e le decorazioni delle pareti. I dipinti sulle pareti sono ad opera di Domenico Mondo e dei fratelli Magri, che erano pittori scenografi“, cioè artisti specializzati nel creare finte architetture e prospettive. Le decorazioni sono allegorie, rappresentazioni delle Virtù Cardinali e Teologali, e includono immagini di fiori e frutta.

Il cortile interno invece, è un giardino “all’inglese dove la natura si unisce a delle scenografie artificiali. Una curiosità molto suggestiva sta in un fiore coltivato nel giardino, una piccola camelia in vaso. Si dice che sia il fiore preferito di Lady Emma, moglie di Lord Hamilton, ambasciatore inglese.

Questa lo tradì con l’ammiraglio Nelson e così decise di piantare una camelia all’interno della Reggia di Caserta nel 1786. Da allora si pianta una camelia in ogni dimora che si trova vicino ad una Reggia. L’architetto Tartaglione nel corso del restauro ha creato un cortile pittoresco più simile all’interno della dimora creando una scenografia naturale.

Palazzo Mondo spicca ne “Il Commissario Ricciardi”

E proprio in queste stanze, nel 3° episodio della serie “Il Commissario Ricciardi”, viene commesso un violento omicidio di una Duchessa che di nemici ne aveva molti per il suo stile di vita molto frivolo. Il Commissario cerca di capire cosa sia successo tra le mura di quella imponente casa.

Quindi il Commissario Ricciardi, all’interno dello sfarzoso Palazzo Mond,o dovrà indagare sulle crudeli sorti dell’alta borghesia napoletana del 1930, tra mille peripezie, imbattendosi anche nel Partito Fascista.

In aggiunta il Palazzo Mondo ha avuto il riconoscimento internazionale da parte dell’European Historic Houses Assosiaction. Tra gli episodi su YouTube delle “Case del Mese” c’era il Palazzo Mondo di Capodrise. Questa è un’associazione no-profit con sede a Bruxelles che mira a “conservare in patrimonio artistico ed architettonico e dei giardini europei” .

Fonti:

Palazzo Mondo Casa Museo di Domenico Mondo

www.progettostoriadellarte.it: Articolo “Palazzo Mondo a Capodrise, Caserta” di Melito Stefania

 

Potrebbe anche interessarti