Treno “Enrico Caruso” sulla Napoli-Sorrento: l’idea per i 100 anni dalla sua morte

Il “Maggio dei Monumenti” si avvicina e il Comune chiede ai cittadini e alle associazioni proposte per gli eventi e per le visite guidate.

Il Comune di Napoli quindi è a corto d’idee. Eppure una proposta è stata avanzata da Gaetano Bonelli, direttore del “Museo di Napoli-collezione Bonelli”, appoggiata da media e da semplici appassionati: dedicarlo ad Enrico Caruso, il più grande tenore di tutti i tempi, di cui quest’anno ricorrono i 100 anni dalla morte.

Un appello che andrebbe a dare la giusta dignità ad un artista poco considerato nella sua Napoli, ma che lui ha reso famosa in tutto il mondo con la sua arte. Bonelli ne propone un’altra: dedicargli un treno. Perché no?

L’idea del treno Enrico Caruso

Il treno “Enrico Caruso” andrebbe sulla tratta Napoli-Sorrento con un biglietto commemorativo e con carrozze abbellite da immagini del tenore, un viaggio addolcito dal suono delle sue più famose interpretazioni, verso la sua “Surriento“.

Carissimi, – scrive Bonelli – oggi voglio sognare e lo voglio fare con voi tutti, al punto che vi invito a salire con me sul treno CARUSO. Già proprio così, avete letto bene, il treno “ENRICO CARUSO”. Immaginate di salire sul treno alla stazione di Napoli, destinazione Surriento. Immaginate di acquistare il biglietto, ovviamente commemorativo e stampato in maniera speciale. Immaginate di vedere il treno, colorato e con le immagini che rimandano al volto del mitico tenore ed alle sue straordinarie e bellissime caricature. Immaginate di salire e di essere accolti da un sottofondo musicale che diffonda lungo tutte le carrozze il melodioso e potente suono delle sue magistrali interpretazioni. Immaginate, sognate, non costa niente e se davvero lo desiderate, questo piccolo sogno ed omaggio dovuto, diverrà realtà. Immaginate…“.

L’appello online

Un appello rivolto alla Regione Campania e all’Eav, gli enti preposti a questo genere d’iniziative. Un treno, che rispettando i distanziamenti delle norme anti-Covid, potrebbe dare un input positivo anche al turismo. Un po’ come è successo con i treni storici degli anni Trenta ristrutturati. Il treno Enrico Caruso, sarebbe il primo e unico nel suo genere, che darebbe la giusta riconoscenza ad un artista che ha portato Napoli e la sua cultura sul tetto del mondo.

Carissimi, oggi voglio sognare e lo voglio fare con voi tutti, al punto che vi invito a salire con me sul treno CARUSO….

Pubblicato da Pro Comitato Enrico Caruso 2021 – 2023 su Venerdì 9 aprile 2021

Potrebbe anche interessarti