La storia di Palazzo Capuano, l’edificio più antico di Portici

Palazzo Capuano

Ogni città ha il suo edificio più antico e il più antico di Portici è il Palazzo Capuano sito in piazza San Ciro, tra via della Libertà e via Casaconte e non molto distante dal complesso della Reggia di Portici. La costruzione del Palazzo Capuano, infatti, è fatta risalire al 1200 o, in altri casi, addirittura alla prima metà dell’XI secolo.

Si pensa che il palazzo sia stato commissionato dal nobile napoletano Gualtiero Galeota intorno al 1025, e sia poi appartenuto dapprima ai principi di Stigliano Colonna, poi ai de Mari, alla famiglia Capuano di cui porta il nome e, infine, alla famiglia Materi. Si sa per certo che nell’ ‘800 il palazzo ospitava il Municipio e, durante il secolo scorso, la Regia Pretura.

All’epoca del suo massimo splendore, Palazzo Capuano era famoso per tre elementi fondamentali: i magnifici soffitti affrescati da Belisario Corenzio rappresentanti le storie del Vecchio Testamento, la torre al centro della struttura e la grande abbondanza d’acqua che riusciva a rifornire gli appartamenti, le fontane e i giardini dell’edificio. Quest’acqua che circolava nel palazzo attraverso canali sotterranei proveniva dalla parte alta di Resina.

Palazzo Capuano
Foto di: Comune di Portici

Palazzo Capuano, purtroppo, oggi non appare com’era in origine. L’imponente palazzo si estendeva fino al primo vicolo a destra nella strada della Parrocchia, dove si trovava anche una masseria che costituiva il confine dell’antica Portici. L’edificio fu poi “tagliato” nel 1948 per aprire Via della Libertà e furono distrutti gli affreschi di Corenzio.

Il palazzo, poi diviso in due tronconi, prese i nomi di Comune Vecchia e Villa Materi (oggi non più presente), nel cui giardino era incastrata in un muro una fontana a mascherone, traccia degli antichi giochi d’acqua. Oggi, invece, il palazzo è come se non esistesse più. Eppure, durante il suo illustre passato ha ospitato al suo interno numerosi personaggi di spicco.

Infatti, dimorarono all’interno del Palazzo Capuano alcune regine di Napoli (Giovanna I e Giovanna II, ad esempio) la vice regina donna Anna Carafa, prima feudataria di Portici e madre del barone Nicola Guzman Carafa e la Duchessa di Medina Las Torres.

Potrebbe anche interessarti