I detti napoletani sul pane: da mazza e panella a stammo a ppane ‘e grano

pane
pane

Detti napoletani sul pane. Alimento immancabile della tavola partenopea, nei secoli ha sviluppato la sua presenza anche nel linguaggio popolare. Pane che al Sud in particolare si contraddistingue per le sue tante varietà ed anche nelle espressioni dialettali si rintracciano una serie di frasi capaci di applicarsi alle più svariate situazioni di vita.


Detti napoletani sul pane e traduzione

‘A speranza è o’ pane d’e’ puverielle
La speranza è il pane dei poveri che sopravvivono solo se hanno il pane
A chi me da ‘o ppane, je ‘o chiammo pate.
Il pane è come un genitore che ti dà vita.
Azzuppà ‘o ppane: calcare la mano.
 Fare la scarpetta: sfruttare un’occasione.
È meglio pane e cepolla ‘a casa toja ca galline e fasano ‘ncasa d’autre
Meglio un pranzo semplice a casa propria che galline e fagiani, ma sottomessi a casa d’altri.
Mazza e panelle fanno i figli belli, panelle senza mazza fanno i figli pazze.
Per educare ci vogliono le buone e le cattive maniere.
Stammo a ppane ’e grano.
Siamo in ritardo, ancora all’inizio dell’opera.
Settepanelle.
Misero servitore che si accontentava solo di una panella al giorno, sette alla settimana.
Sfrattapanella:sfruttatore.
‘O Pataterno dà ‘o ppane a chi nun tène ‘e diente.
Per compiere alcune azioni occorrono risorse e capacità che spesso hanno solo alcune persone.
Pane ‘e nu juorno, vino ‘e n’anno e guagliona ‘e quinnece anne.
Per vivere bene, pane freschissimo, vino vecchio di almeno un anno e la compagna giovanissima.

Potrebbe anche interessarti