‘A frittura ‘e paranza, specialità di mare ischitana: cenni storici e ricetta

Frittura di paranza

La frittura di paranza, tipica della cucina napoletana, è una frittura di pesce di piccolo taglio, originaria dell’isola di Ischia. In genere si utilizzano sogliolette, suace, triglie, merluzzetti, alici e mazzoni. Si dice che, grazie agli antichi romani, amanti delle terme, questa succulenza pietanza di mare sia giunta sull’isola dalla vicina Partenope o da Puteoli, la Pozzuoli antica. Il nome rimanda all’imbarcazione da pesca, chiamata appunto ‘a paranz.

Ecco la ricetta:

Ingredienti

1,5 kg pesciolini vari
300 g Farina
Olio extravergine e sale q.b

Procedimento

Lavate accuratamente tutti i tipi di pesce sotto acqua corrente salata. Dopo averli asciugati per bene su carta assorbente, infarinateli uno per volta e friggeteli in olio ben caldo, pochi per volta. Scolateli su carta assorbente, per togliere l’olio in eccesso. Salateli nel momento in cui vanno consumati.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più