Video Rarissimo. Eduardo De Filippo, i commoventi auguri di Pasqua

Eduardo De Filippo

‘A dummeneca ‘e Pasca d’ ‘o mille e noveciento, ‘o Pateterno (ca s’è susuto sempe ‘int’ e primm’ore) di buonissimo umore se scetaie mmerz’ ‘e sette, fece chiammà san Pietro e lle dicette: – Pie’, siente, stammatina è na bella iurnata e ll’ aria è fina fina: vurria fa na scappata ‘n Terra… Che te ne pare?

Questo l’inizio di una delle poesie più inusuali e coinvolgenti del poeta napoletano Salvatore Di GiacomoLassamme fa a Ddio.

Un inno d’amore per la città di Napoli, ma soprattutto per la sua gente, per quella variegata umanità che da sempre colora ed anima le strade della città: “Mmiez’ ‘a strata, stuorte, struppie, cecate, giuvene e bichicchiarielle,guagliune senza scarpe, vicchiarelle appuiate a ‘e bastunciel!e, scartellate, malate, e ciert’ uocchie arrussute chine ‘e lacreme – e mane secche, aperte, stennute…

Il sublime racconto di uno spaccato napoletano, recitato da un mirabile Eduardo de Filippo che, con la sua voce intensa e quasi traballante, riesce a interpretare con calore e maestria tutta la bellezza e la malinconia di questa terra diabolica e miracolosa al contempo!

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=o-VkUyFVwXE[/youtube]

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più