Cenni storici e ricetta del “pasticciotto”, delizia culinaria meridionale

Pasticciotto

Il pasticciotto è un dolce tipico della tradizione salentina, composto da pasta frolla, farcito di crema pasticcera e cotto al forno. Molto curiosa la storia legata alle sue origini.

Nacque nel XVIII secolo a Galatina, un piccolo paese alle porte di Lecce, per opera del pasticcere Nicola Ascalone che, utilizzando l’avanzo dell’impasto degli altri dolci  e un po’ di crema, decise di realizzare una piccolissima torta in un pentolino di rame. Diversamente dalle aspettative, il risultato fu un gran bel pasticcio! Tuttavia, il pasticcere decise di infornarlo ugualmente ed appena cotto ed ancora caldo lo regalò che regalò ad un passante. Il successo fu immediato: da lì a poco il pasticciotto divenne il fiore all’occhiello della preparazione dolciaria salentina!

Ecco la ricetta per preparare una decina di pasticciotti:

Ingredienti

Per la pasta frolla

200 g di farina
100 g di zucchero semolato
75 g di strutto
25 g di burro
1 uovo
1 pizzico di sale

Per la crema

500 g di latte
3 tuorli
50 g di farina
120 g di zucchero
semi di vaniglia

Procedimento

Prepariamo la pasta frolla impastando la farina con lo strutto ed il burro, aggiungendo poi lo zucchero, il pizzico di sale e l’uovo. Poniamo poi l’impasto ottenuto in frigorifero per una mezz’oretta abbondante e copriamolo con una pellicola. Nel frattempo prepariamo la crema pasticcera: sbattiamo i tuorli con lo zucchero, aggiungiamo la farina setacciata, versiamo dunque il latte bollente ed i semi di vaniglia. Mettiamo il composto sul fuoco, girando in continuazione fino a che la crema non si sarà addensata e lasciamo poi raffreddare.
Tiriamo fuori la pasta frolla dal frigo, la stendiamo e rivestiamo il fondo degli stampini (rigorosamente ovali) li farciamo con abbondante crema pasticcera e li ricopriamo con altra pasta frolla, sigillandoli per bene.
Spennelliamo con l’albume (per conferire ai pasticciotti la tipica doratura ambrata) ed inforniamo a 180° per una ventina di minuti.

Tipica abitudine dei salentini è la degustazione del dolce appena sfornato e ancora caldo. Una bontà a cui è davvero difficile resistere! Buon appetito!

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più