Cenni storici del polpo all’insalata, specialità di mare nostrana

Polpo all'insalata

Piatto di mare sempre gradito, adatto al periodo estivo e non solo, il polpo all’insalata si annovera tra le specialità campane. Conoscete la storia legata a questa gustosa pietanza di mare?

Nonostante si tratti di una delle più antiche tradizioni culinarie partenopee, le origini del polpo affondano nella bella Sicilia. Il Mar Mediterraneo è l’habitat naturale per eccellenza del polpo: antiche testimonianze si trovano già in un vaso del 1450-1400 a.C., proveniente da Creta (attualmente si trova in un museo di Oxford). Non solo. Le testimonianze sono più vicine a noi di quanto si possa credere: un mosaico, custodito nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli e proveniente dagli scavi di Pompei, è caratterizzato dalla presenza del polpo al centro della scena.

Vaso polpo

Furono i palermitani i primi a dare suggerimenti e svelare i segreti per preparare un ottimo polpo: la cottura è di fondamentale importanza per la buona riuscita del piatto. Lo arricchirono man mano con prezzemolo e limone che conferiva gusto. La ricetta giunse in diverse zone, quali il Golfo di Napoli.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più