Antichi mestieri napoletani. ‘O Cardalana: l’artigiano a domicilio

“’O Cardalana, ‘o cardalana” – fino a trent’anni fa circa, tra le strade della città di Napoli, era questa la frase di rito urlata da un megafono montato su un’automobile.
Chi era ‘o Cardalana? E qual era la sua mansione?

‘O Cardalana, conosciuto anche come o’ materazzaro, attualmente fra le figure professionali andate in disuso, era colui che si occupava “rimettere a posto” i materassi usurati, appiattiti e poco morbidi.

‘O Cardalana, non possedendo una bottega personale, era solito essere chiamato a domicilio una volta l’anno per sistemare l’imbottitura del materasso fatto di lana o di piume o addirittura, in tempi più antichi, di foglie o di fibre vegetali.

Il lavoro veniva effettuato con l’ausilio di uno strumento chiamato scardasse – ecco perché era definito anche scardassiere – che allargava la lana e la rendeva più voluminosa e soffice.

Lo scardasse era composto da due parti chiodate, una fissa e un’altra mobile: la lana, dopo essere stata lavata e fatta asciugare, veniva adagiata sulla parte fissa e allargata con quella mobile. L’intera operazione durava qualche giorno e di certo non era un toccasana per la salute dell’artigiano dato che, battere di continuo la lana, non faceva altro che alzare un gran cumulo di polvere e peli, provocandogli una fastidiosa tosse e il “tappo al naso”.

Al materassaio toccava anche il compito di rinfilare i fiocchetti e di ricucire, da entrambi i lati, il bordo del materasso con degli aghi lunghissimi, i cosiddetti aghi saccurali.

Oggigiorno il materasso non rientra più tra i beni familiari di valore da tramandare alle generazioni future, il lavoro manuale è stato sostituito da moderni macchinari automatici che producono una gran varietà di modelli esposti in veri e propri show room del materasso.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più