Napoli e il canto della Chiesa del Gesù Nuovo

1200px-Interno_della_Chiesa_del_Gesù_Nuovo

La Chiesa del Gesù Nuovo: luogo di nuove, inaspettate melodie. Un posto considerato malevolo per tanto tempo, eppure così ricco di armonica bellezza. Latribuna della Chiesa del Gesù Nuovo è ricca di colore, ma mantiene la sua compostezza: equilibri di geometrie e colori, tra pannelli marmorei, dipinti e sculture la rendono splendidamente elegante. Affrescata da Massimo Stanzione,contiene nel transetto varie opere del Seicento.

"TransettosinistroGesùNuovoNaples" di IlSistemone - Opera propria.

Sul lato sinistro opere pittoriche di Jusepe de Ribera, Gloria di sant’Ignazio e Papa Paolo III approva la regola di sant’Ignazio. Sembrano vive le splendide sculture diCosimo Fanzago, il David e Geremia laterali all’altare. Concludono la splendida decorazione di questo lato, cicli di affreschi di Paolo De Matteis e Belisario Corenzio. Tutti artisti in grado di rappresentare le tematiche religiose con forza, nei vari colori morbidi di sfumature, nelle espressioni dei protagonisti e gli scorci che li circondano.

"TransettodestroGesùNuovoNaples" di IlSistemone - Opera propria.

Sul lato destro tele di Luca Giordano: San Francesco Saverio trova il Crocifisso in mare, Il Santo caricato dalle croci ed Il Santo che battezza gli indiani, tutte della fine del Seicento; un dipinto del Santafede ed ancora cicli di affreschi delCorenzio e del De Matteis. Fu il Fanzago ad eseguire le due sculture ai lati dell’altare. Raffigurano Sant’Ambrogio e Sant’Agostino, e sono entrambe databili al 1621.Una porta d’accesso alle antiche stanze private di Giuseppe Moscati. Il passato è ricordato da alcuni manoscritti del santo, qui esposti, sue fotografie storiche ed alcuni rosari.

L’abside della Chiesa del Gesù Nuovo brulica di ricchezza: realizzata tra  il XVIIed il XVIII secolo dal Fanzago e terminata da Domenico Antonio Vaccaro e dalla sua scuola; altre sculture sono di Matteo Bottiglieri e Francesco Pagano. Alle pareti, splendidi marmi policromi. L’altare maggiore è un’opera eseguita molto più tardi dal gesuita Giuseppe Grossi.

"Cupola Gesù" di Baku - Opera propria

La cupola, ricostruita da Ignazio di Nardo e consolidata da una struttura in calcestruzzo armato, presenta una calotta sferica scandita dalle finestre lunettate; le decorazioni in stucco riprendono il motivo del cassettonato. La falsa cupola ricorda, nei pennacchi, il primo Seicento con affreschi di Giovanni Lanfranco.

Il fulcro della Chiesa del Gesù Nuovo, dunque, è ricco di colori e figure plastiche, della bellezza equilibrata del marmo ed una finezza compositiva speciale. Nellanavata destra si aprono tre cappelle ed una cappella più grande che chiude il transetto: la prima cappella presenta decorazioni marmoree di Costantino Marasie Vitale Finelli e dipinti di  Azzolino; la seconda è dedicata a San Giuseppe Moscati e conserva un dipinto all’altare dello Stanzione. La cappella che funge da abside destro presenta ornamenti del Corenzio e marmi del Marasi. Ovunque fiorisce bellezza, nei dipinti classicheggianti che smorzano le arditezze degli ori e dei marmi riccamente colorati, seppur composti. E’ un piacere osservarli da vicino.

Affresco di Belisario Carenzio - Foto di Konstantin Mitroshenko

Le virtù Solimena

Compostezza e simmetria anche nella navata sinistra, che come quella destra ospita tre cappelle. La prima cappella presenta una decorazione del Marasi, una tela dell’Azzolino e affreschi del Corenzio; la seconda è impreziosita con decorazioni di Corenzio e di Girolamo Imparato e statue di Michelangelo Naccherino, Pietro Bernini e Girolamo D’Auria. Il Cappellone di Sant’Ignazio fu decorato dal Fanzago, Costantino Marasi e Andrea Lazzaro. Ancora del Fanzagosono le statue tra le tele di Spagnoletto e Paolo De Matteis. La cappella che funge da abside sinistro presenta marmi disegnati da Giuseppe Bastelli, Domenico di Nardo, Donato Gallone e affreschi di Francesco Solimena.

La chiesa del Gesù Nuovo custodisce uno splendido organo a canne creato da Gustavo Zanin nel 1989. Fu realizzato in sostituzione dell’ organo precedente, secentesco e costruito da Pompeo de Franco, riutilizzandone la cassa barocca e parte del materiale fonico. Una facciata che canta, un organo che rivivendo genera nuove melodie: è un festival di armoniche sinfonie, la Chiesa del Gesù Nuovo.
Un canto che arriva da lontano, e lontano sparge le sue note.

Questo articolo fa parte della rubrica sulle Chiese di Napoli .”Napoli, la città delle 500 cupole”.

 

Come arrivare alla Chiesa del Gesù Nuovo
[mappress mapid=”339″]

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più