Ricetta. ‘A finta genovese, ‘o piatto che te fa fesso e contento

Finta genovese

Quando a Napoli la mamma grida “E’ pronto”, nessuno chiede “che cosa?”, tutti sanno che è il richiamo per andare a tavola perché il pranzo o la cena sono pronti. In tavola ci sono sempre piatti graditi e tutti giorni sembra festa, perché le mamme napoletane hanno un ingrediente segreto: l’arte di creare con poco, piatti che difficilmente riuscirai a dimenticare grazie alla loro bontà.

Una cosa che caratterizza la nostra tradizionale cucina è la semplicità e la capacità di non buttare via niente, un metodo tramandato da nonne e bisnonne, e che se ancora oggi resiste allora vale la pena provare. Quando le mamme, esauste per i troppi “capricci” culinari esclamano “‘A tiemp antichi ‘o nonno se mangiava pure ‘e scorze ‘e pisielli vullute”, non hanno tutti i torti e non fanno altro che sottolineare l’aspetto più profondo della “teoria del riciclo” tutta napoletana, secondo cui la cucina partenopea è come il maiale e non si butta via niente. ‘A zuppa ‘e carnacotta, la pasta e fagioli con le cotiche, gli spaghetti con le vongole fujute, ed oggi un piatto che possiamo quasi definire come una parodia della ricetta originale fatta con “tutti i sacramenti”, ‘a finta genovese (detta anche genovese fujuta), nata per accontentare anche i palati più poveri che non sempre potevano permettersi di acquistare la carne.

Questo piatto, detto appunto finta genovese, è così chiamato perché nonostante riproponga il gusto e il sapore della genovese originale, è privo di carne e al massimo viene insaporito con dei pezzetti di prosciutto crudo (magari avanzati da qualche giorno e di cui vogliamo sbarazzarci senza arricchire la pattumiera).

Gli ingredienti sono pochissimi e così questo piatto risulterà economico ma sempre pronto per essere proposto.

-Ingredienti:

  • 3-4 cipolle bianche medie
  • 3 fettine di prosciutto crudo
  • olio d’oliva q.b.
  • sale q.b.
  • 400 g di pasta (sono consigliati gli ziti da spezzare a mano)
  • una manciata di parmigiano grattugiato

-Procedimento:

Lavare e sbucciare le cipolle, tagliarle a fettine molto sottili per fare in modo che durante la cottura si possa formare una sorta di salsa.

In una pentola bassa mettere circa un paio di cucchiai d’olio e aggiungere le cipolle e il prosciutto crudo spezzettato a mano in modo grossolano, e aggiungere un po’ d’acqua per fare in modo che le cipolle si consumino durante la cottura. Lasciar cuocere a fuoco lento per un’oretta circa ed assaggiare il sugo per regolarlo di sale (attenzione a non esagerare dal momento che il prosciutto crudo potrebbe scaricare il sale durante la cottura).

In una pentola alta portare ad ebollizione l’acqua e calare la pasta. Una volta trascorso il tempo di cottura, saltare la pasta insieme al sugo e una manciata di parmigiano. Finalmente è pronto e l’irresistibile bontà di questo piatto “povero” per modo di dire, non vi farà certo sentire troppo la mancanza della genovese originale, una ricetta semplice che come si dice a Napoli “ve fa fessi e cuntenti”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più