Ricetta della Polacca, il dolce simbolo di Aversa

Polacca aversana

A Napoli, parlare di buona tavola è un po’ come giocare in casa, ci sono tutte le carte per partire favoriti, ma la cosa più bella è che pur spostandosi nelle zone limitrofe,non si resta affatto delusi dalle prelibatezze che si trovano in giro.

La “polacca”, rientra di diritto tra le migliori bontà a cui facciamo riferimento e i più golosi di sicuro avranno già capito di cosa parliamo. Si tratta di un dolce tipico di Aversa in provincia di Caserta, saporito, profumato e per grandi linee molto simile a una brioche farcita.

Questo meraviglioso dolce, deve il suo nome alla suora che nel 1926 passò al pasticcere Nicola Mungiguerra la ricetta che lui stesso ripropose a modo suo, dandogli poi il nome di “polacca” in riferimento alle origini natie della stessa suora.

Polacca aversana
Polacca aversana di pasticceria

Ovviamente, come facilmente si può intuire, questo dolce è reperibile in tutte le pasticcerie aversane, ma perché non provare a farlo in casa? Ecco cosa occorre per preparare con le nostre mani un’ottima polacca aversana, seguendo i consigli del portale hovogliadidolce.it.

-Ingredienti per l’impasto:

  • 300 g di farina manitoba
  • 250 g di farina 00
  • 4 g di lievito di birra secco
  • 200 ml di latte intero
  • 120 g di burro
  • 2 uova medie
  • 100 g di zucchero semolato
  • buccia grattugiata di limone
  • 10 g di sale

-Ingredienti per la farcitura:

  • crema pasticcera
  • amarene sciroppate q.b.

E’ consigliabile l’uso di un’impastatrice.

-Procedimento:

Per prima cosa preparare un primo impasto che sarà una sorta di lievitino, unire quindi il lievito di birra secco ai  100 grammi di farina 00, un cucchiaino di zucchero semolato e il latte e mescolare il tutto. Quando apparirà un composto morbido e privo di grumi, coprire la ciotola con pellicola trasparente e far riposare per circa 35-40 minuti aspettando che il volume raddoppi.

Una volta trascorso il tempo necessario per il raddoppio del volume, aggiungere ai restanti ingredienti come uova, farina, buccia grattugiata di limone e zucchero semolato il lievitino ottenuto e procedere ad impastare con le fruste elettriche, scegliere la frusta a foglia.

Una volta che gli ingredienti saranno ben uniti tra loro, inserire la frusta a gancio e continuare ad impastare aggiungendo in diversi momenti il burro sciolto a temperatura ambiente ( è importante che non venga aggiunto altro burro prima che il precedente venga assorbito del tutto),continuando sempre ad impastare per circa 15 minuti, fino ad ottenere un impasto liscio e solo alla fine aggiungere il sale.

Il composto dovrà essere morbido e ciò dipenderà unicamente dalla farina, quindi qualora dovesse rivelarsi necessario, aggiungerne 2 cucchiai.

Lasciare che il panetto lieviti per circa 2 ore fino a raddoppiare il suo volume, assicurandovi che si trovi in un luogo asciutto e fresco.

Quando l’impasto sarà finalmente lievitato, dividerlo in due, preparare un piano di lavoro infarinato ed iniziare a stenderlo con l’aiuto di un matterello, formando così uno strato sottile di pasta da cui ricaveremo un cerchio con l’aiuto di un disco per torte e poi ripetere la stessa operazione per ottenere un secondo cerchio di pasta.

Una volta ottenuti i due dischi, posare il primo su di una teglia rivestita di carta forno, farcire con la crema pasticcera e le amarene, avendo cura di lasciare liberi i bordi e poi richiudere con il secondo disco, sigillando le estremità aiutandovi con una forchetta, in modo da essere sicuri che il ripieno non fuoriesca.

Lasciar lievitare la polacca per 30-40 minuti, in forno spento ma con la sola lucetta accesa e una volta trascorso il tempo di lievitazione, spennellare il dolce con tuorlo d’uovo e latte e poi guarnire con codette di zucchero.

Far cuocere la polacca aversana in forno statico a 180° per 20-25 minuti, controllando spesso la cottura, quando inizierà a dorarsi in superficie, sarà finalmente pronta.

Far raffreddare completamente il dolce e poi servire.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più