Provolone del Monaco ripieno di pasta al forno e polpettine: la ricetta

La storia del Provolone del Monaco, formaggio ottenuto dalla lavorazione del latte della vacca agerolese, si colloca intorno al 1700, quando alcuni pastori che vivevano sul Vomero, area agricola di Napoli, dovettero trasferirsi a causa dell’espansione urbana.

Alcune famiglie di questi pastori decisero di trasferirsi sui Monti Lattari e iniziarono a sfruttare gli ampi pascoli della zona, producendo soprattutto formaggio, in particolare caciocavallo.
Il principale mercato per la vendita di questo formaggio era Napoli, per cui i pastori, soliti indossare ingombranti mantelle per ripararsi dal freddo e dall’umidità, durante il tragitto dalle colline di Vico Equense a Napoli, vennero soprannominati “monaci”, proprio perché la mantella utilizzata ricordava il saio dei monaci e i loro caciocavalli divennero per tutti “i provoloni del monaco”. Si narra che i napoletani solevano avvisarsi dell’arrivo dei pastori al grido di “È arrivato zi’ monaco co’ ‘o pruvulone!“.

Ancora oggi, questo prodotto caseario tipico della Penisola Sorrentina e dei Monti Lattari è realizzato secondo antichissime tecniche di lavorazione.

Formaggio dal sapore inconfondibile, viene prodotto con dimensioni variabili e dal 2010 ha ottenuto la Denominazione di Origine Protetta (DOP). Un’antica ricetta consisteva nello svuotare ad arte un provolone ben stagionato e colmare il vuoto con la mollica del provolone assieme ad un ripieno cotto a parte.

Il ripieno era composto da funghi champignons, polpettine e pasta sugo.

RICETTA PER 4 PERSONE:

ingredienti per le polpettine:

200 grammi di carne di manzo macinata,

100 grammi di pane raffermo

un uovo

un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato

mezzo spicchio di aglio tritato

un bel rametto di prezzemolo lavato e tritato

una presa di sale

un pizzico di pepe

olio di semi per friggere

Ingredienti per la pasta al forno per 4 persone:

280 grammi di pasta di Gragnano (si consigliano i rigatoni)

700 ml di passata di pomodoro

una piccola cipolla

mezzo spicchio di aglio

un dado vegetale

due cucchiai di olio extra vergine di oliva

prezzemolo

300 grammi di funghi porcini (anche surgelati)

4 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato

Procedimento:

  1. Preparate le polpette: ammollate il pane in acqua, strizzatelo e trasferitelo in una ciotola. Unite la carne, l’uovo, l’aglio, il prezzemolo, il parmigiano, il sale, il pepe e impastate il tutto.
  2. Preparate la salsa: Pelate e tritate la cipolla e l’aglio, trasferiteli in un tegame e unite l’olio, rosolate a fuoco dolce e unite i funghi tagliati a cubetti, fate evaporare l’acqua e unite la salsa di pomodoro, il dado, il prezzemolo lavato e tritato, mescolate, coprite e fate cuocere per 15 minuti. Aggiustate di sale solo a fine cottura e se necessario.
  3. Nel frattempo cuocete la pasta in acqua salata, scolandola molto al dente (4 minuti meno del tempo stimato). Friggete le polpettine nell’olio di semi.
  4. Preriscaldate il forno a 200°.
  5. Condite la pasta con la salsa ai funghi, metà del parmigiano e le polpettine, trasferitela nel caciocavallo svuotato. Infornate per 15 minuti e attendere che la corteccia del provolone diventi molle e il ripieno ben caldo.

Fonte: 

Antonioamato.it

Potrebbe anche interessarti