Carciofi alla napoletana con olive e capperi: il piatto saporito della cucina popolare

Foto di cucinapop.blogspot

La cucina napoletana vanta radici storiche antichissime che risalgono al periodo greco-romano.

Nei secoli si è arricchita con l’influenza delle differenti culture che si sono susseguite durante le varie dominazioni della città, seguito delle quali, principalmente a causa di quella francese e quella spagnola, si è delineata la separazione tra una cucina aristocratica ed una popolare. La prima, caratterizzata da piatti elaborati preparati con ingredienti ricchi, come i timballi o il sartù di riso, mentre la seconda legata ad ingredienti della terra: cereali, legumi, verdure, come la popolarissima pasta e fagioli.

Proprio tra queste ultime, vi è un piatto saporitissimo a base di carciofi, ottimo come secondo, ma anche come antipasto: sono i famosissimi carciofi alla napoletana con olive e capperi.

Ingredienti

1,5 kg di carciofi tipo mammole
un limone
uno spicchio d’aglio
un mazzetto di prezzemolo
30 g di olive nere denocciolate
un cucchiaio di capperi sotto sale
brodo vegetale
mezzo bicchiere di vino bianco secco
olio extravergine d’oliva
sale, pepe

Procedimento: lavate bene le mammole, eliminate le foglie più dure e i gambi. Tagliatele a spicchi e immergeteli in acqua acidulata con il succo del limone perché non anneriscano. Scaldate 4 cucchiai d’olio con un trito di 2 cucchiai di prezzemolo, l’aglio, i capperi sciacquati e le olive. Unite i carciofi sgocciolati e fate insaporire per 5 minuti, sfumate con il vino e bagnate a filo con il brodo. Regolate di sale, pepate e cuocete coperto per 20 minuti. Levate il coperchio e proseguite la cottura per 15 minuti. Serviteli caldi.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più