Mulignane alla Pullastiello: la ricetta tradizionale napoletana

Foto di docedoce-pinar.blogspot.com

Quanti di voi hanno preparato almeno una volta nella vita le “Melanzane alla Pullastiello” ma senza sapere perché hanno questo nome?

La melanzana è la regina della cucina napoletana, onorata come si conviene ad una sovrana: alla parmigiana, indorate e fritte, a scarpone, a funghetto, ripiene.. Esistono un’infinità di ricette per onorare il più amato degli ortaggi italiani.

Le “mulignane alla pullastiello” sono una ricetta molto calorica ma anche molto gustosa, si tratta di fette di melanzana indorate e fritte, poi ripiene e di nuovo fritte per assemblare il “sandwich”.

Ma perché si chiamano così?

Le ipotesi sono due: secondo Raffaele Bracale la ricetta sarebbe nata in un ristorante di Napoli sito in Corso Secondigliano “‘O Pullastiello”, il quale serviva ai clienti una vivanda consistente in un piccolo pollo ruspante cotto alla brace farcito con gli stessi ingredienti delle melanzane “a libretto”: uova, provola, formaggio pecorino, salame e prosciutto.

La seconda ipotesi si riferisce semplicemente al fatto che le melanzane vengono abbondantemente farcite come un piccolo pollo ruspante come avveniva un tempo.

INGREDIENTI (per 4 persone):

– 3 melanzane medie

– 250 gr di provola (o caciocavallo)

– 100 gr di salame a fette (o prosciutto)

– olio di oliva extravergine

– olio di semi per friggere

– farina 00

– 2 uova grandi

– sale q.b.

PROCEDIMENTO:

Lavate e tagliate a fette non molto sottili le melanzane. Immergetele in abbondante olio per friggere e colatele mettendole su una carta assorbente.
Farcite le melanzane con delle fettine di provola e salame e poi ricopritele con una seconda fetta di melanzana.
Passatele nella farina e nell’uovo e poi friggetele di nuovo. Sollevatele e mettetele di nuovo su una carta assorbente.
Le vostre mulignane alla Pullastiello sono pronte per essere gustate!

PS. Sono buone anche se gustate il giorno dopo.

Potrebbe anche interessarti