La leggenda della barchetta fantasma e la prova del vero amore

avalon

C’è qualcosa di magico nei racconti che si tramandano nel tempo, qualcosa di speciale in tutte quelle leggende raccontate, che forse molto spesso nascondono un filo di verità.

A Napoli, forse molto più che in altre città, raccontare leggende e storie più o meno realmente accadute, è quasi una vera e propria arte. Così come da tradizione popolare, sono tante le figure fantasma che continuano a tormentare ed accompagnare la nostra vita attraverso i racconti, come ad esempio la sposa infelice, la donna che scappava tra le strade della città, o il fantasma del soldato nel palazzo al Corso Garibaldi, insomma sono tante le storie che si tramandano nel tempo, ma forse la più romantica, appartiene proprio alla famosa “barchetta fantasma“.

La leggenda narra, la storia di un grande amore non corrisposto che finisce in tragedia. La coppia di giovani, Tecla e Bruno, pur essendo ormai uniti in matrimonio, non viveva quello che si può definire un grande amore. Bruno era follemente innamorato della sua bellissima sposa che però purtroppo a sua volta, vantava di portare integro il gelido significato del suo nome, “cuore colpevole”, forse della tanto forte indifferenza che provava nei confronti del marito.

Un giorno, Tecla, pur essendo una donna tutta di un pezzo e decisa a non farsi trasportare dalle frivolezze dell’amore, fu colpita da quello che noi oggi amiamo definire colpo di fulmine, innamorandosi repentinamente di un ragazzo dai meravigliosi lineamenti, che rispondeva al nome di Aldo. Iniziò tra i due una storia clandestina ed extraconiugale, i due erano uniti da un grande ed incontrollabile amore che la stessa Tecla non aveva mai provato prima. I due innamorati decisero di vivere il loro amore da fuggiaschi e di andare altrove traghettati di notte su di una barca, quel viaggio fu per loro fatale. A traghettare i due innamorati, vi era Bruno, il marito legittimo di Tecla, accecato di rabbia per essere venuto a conoscenza del tradimento. La barca si capovolse e vide morire insieme i due amanti, Aldo e Tecla, subito dopo il loro ultimo intenso bacio.

A Napoli, si racconta che ancora oggi, nelle caldi notti d’estate, Dio consenta agli innamorati veri che si affacciano sugli scogli di Posillipo, di vedere la barchetta fantasma che traghettò Aldo e Tecla, dando così una prova inconfutabile del grande amore.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più