Leggende napoletane raccontate in Napoletano: “L’ommo ca vuleva murì”

leggende napoletane ommo ca vuleva murìOggi, grazie alla alla collaborazione con StoriediNapoli.eu, vi posso raccontare una storia dal titolo “L’uomo che voleva morire”, che ho appositamente tradotta  in Lingua Napoletana. Il testo in italiano è di Federico Quagliuolo, il quale ha riportato questa leggenda da egli ascoltata da un’anziana signora di Barano d’Ischia. Qui, dunque, la potete leggere nella sua lingua originale, la sola maniera per preservarne tutti i significati ed il fascino: difendiamo la nostra tradizione, la nostra cultura.

L’ommo ca vuleva murì

Ce steva na vòta n’ommo ca, abbelito pecché perdette fatìca, mugliera e casa, decidette ‘e s’accirere. Pe tramente ca steva jenno ‘o Mandracchio pe s’affucà, ncuntraje nu cumpagno ca le dicette: “Nun te sie manco cunfessato? Ammacaro truova nu prevete e miettete mpace cull’anema”; “Tiene raggione, me vaco a cunfessà”.

Jette dinto a na primma cchiesa e ncuntraje a Giesù Cristo, ca l’immitaje a dicere a isso tutte ‘e peccate, p’avè a remessione. L’ommo, però, rispunnette: “Si sie overamente Giesù Cristo, pecché dici ca quaccheduno ha da esse furtunato e l’autre hann ‘a passà ‘e guaje? E pecché nun ‘e castighe a chille ca jastemmane? Nun sie justo!

Allora s’avviaje verzo na siconda cchiesa, addò ce steva San Pietro ca facette vicino a isso: “Stongo ccà pe te dà n’autra possibbilità: cunfessate cu mme e sarrai perdunnato”. L’ommo, ncazzato, aizaje ncuollo e dicette: “E tu, San Piè, tiene ‘e cchiave d’ ‘o Paraviso ma faje trasì sultanto a chi vuó tu! Manco tu fai ‘e ccose bbone, vattenne!”.

Dinto a na terza cchiesa, ncuntraje ‘a Morte. “Tu sì ca si’ justa! Te ne puorte ‘o Rre e ‘o muorto ‘e famma, nun guarde nfaccia a nisciuno, me voglio cunfessà cu tte”. Doppo cuntato tutte ‘e peccate, ‘a Morte le prummettette: “Si nun t’accide e staje a sentì tutto chello ca te dico, te farraggio addeventà ricco assaje”. L’ommo, ncantato d’ ‘a prummessa, se scurdaje ‘o suicidio e stette a sentì ‘a Morte; “Tuorne â città, e dice a tutte quante ca sie nu miedeco.”; “Ma je nun saccio fà niente, comme pozzo curà ‘a ggente?”, facette isso. “Faje accussì, quanno arriva nu malato, si me vide pe tuorno vò dicere ca schiattarrà ampresso. Si nun me vide, le dai nu bicchiere d’acqua e chella perzona starrà bbona comme si nu Santo l’avesse fatte ‘a grazia”.

L’ommo facette priciso priciso comme dicette ‘a Morte, e addeventaje ‘o duttore cchiù ricco ‘e Napule dint’ a nu paro ‘e mise. Accattaje case, ville e muoje ‘e terra, fino a quanno, na jurnata, fuje chiammato d’ ‘o Rre ca teneva na figlia ammaluta, e ‘o fatto era serio. Sotto ‘o Palazzo, vedette ‘a Morte: “T’avive fa vedé propio mo?”; ‘a Morte se stette zitta, e isso trasette dint’ ‘o Palazzo. ‘O Rre facette: “Si chest’acqua è overamente miracolosa, allora farrà stà bbona pure a piccerella, si invece site nu mbruglione, jettate ‘o sango appriesso a essa”. L’ommo facette vevere l’acqua ‘a figliola, e dicette vicino ‘o Rre ‘e aspettà nu paro ‘e juorne.

Asciuto d’ ‘o Palazzo, alluccaje ncuollo ‘a Morte: “Vattenne! M’accidarranno si ‘a piccirella nun se sana!”. ‘A Morte rispunnette: “Viene ‘a casa mia, te faccio vedé na cosa”. Arrivato ‘a casa d’ ‘a Morte, l’ommo se truvaje annanze a miliune e miliune ‘e lampade a uoglio, tutte quante cu nu nomme ‘e perzona. “Cheste songhe ‘e vvite ‘e tutta ‘a ggente ncoppo ‘a faccia d’ ‘a Terra”; “E ‘a mia addó sta?”, dicette l’ommo tutte tremmanno pe ‘a paura. “È chella llà”, e ‘a Morte facette segno na lampada cu na fiammella scarza scarza. “Cumpagna mia, Morte bella, pecché nun ce verzammo nu poco d’uoglio? Se sta astutanno!”. “Eh no cumpagniello mio”, facette ‘a Morte, “’o diciste tu: je facce sempe ‘e cose juste!”.

Traduzione in Italiano. 

Per poter leggere la traduzione in Italiano, potete CLICCARE QUI.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più