Leggende napoletane in Lingua Napoletana: sango e jastemme a Palazzo Sansevero

Leggende napoletane in Lingua Napoletana: sango e jastemme a Palazzo Sansevero

Proteggiamo la nostra storia, la nostra cultura, la nostra tradizione, le nostre storie, la nostra lingua. La città di Napoli è ricca di racconti e leggende, tramandati per via orale in lingua originale, ma scritte quasi esclusivamente in Italiano, fattore che fa loro perdere fascino, significati e carica emotiva, e allora ecco che in questa rubrica potete leggere le leggende napoletane raccontate in Napoletano,un’operazione che sembra facile ma non lo è affatto, perché anni di studi e utilizzo dell’Italiano non può che compromettere la purezza del Napoletano, il quale farà uso di tanti prestiti, una difficoltà cui spero di ovviare strada facendo: nel frattempo, lettori, siate clementi, e sappiate che ogni consiglio e riflessione se costruttivi sono ben accetti.

Il cunto di oggi è forse il più crudo e inquietante di tutti quelli partenopei, una storia dove si mischiano crudeltà, ferocia, violenza, perversione, elementi che non hanno risparmiato nemmeno la vita di un neonato e hanno profanato il corpo morto e lacerato di una donna.

Sango e jastemme a Palazzo Sansevero

Dint’ a n’appartamento all’urdemo piano ‘e Palazzo Sansevero, ca se trova a vico San Dummineco Maggiore a Napule, propio vicino â cchiesa, steva ‘e casa ‘o princepe ‘e Venosa, don Carlo Gesualdo, e ‘a mugliera, Maria d’Avalos. Chesta se la ntenneva cu Fabrizio Carafa, ‘o duca d’Andria, e ce la facette a ngannà a don Carlo fino a quanno nu zio ‘e isso, Giulio Gesualdo, ca teneva ‘a mmiria pecché nun ngarraje maie a farse amà ‘a Maria, nun dicette ‘e ccose comme stevene ô nepote, ca pe tramente lloro parlavene chill’autri dduje facevane ‘e fatte loro, e tutto ‘o popolo e nobbiltà nun putevane credere ca l’amante ‘o facevane curnuto dint’ ‘a casa soja e isso nun se ne accurgeva.

Era ‘a notte d”o 18 uttombre mille cincuciento e nuvanta, e don Carlo, verde p”a rraggia, ascette fujenne dâ casa d”o zio, e turnaje a casa nzieme a cincuanta pariente, otto serviviture e ati quattuordece uommene armate comme testemmonio e comme aiuto: dint’ ‘a stanza ‘e lietto ce stevene tutt’ ‘e dduje cuccate, e allora Carlo Gesuardo e l’autre accidettene sia a Fabrizio sia a Maria a scuppettate e a curtellate, pe nguollo e nfaccia. Accidettene pure ‘o nennillo ‘e sette mise nato da chill’ammore clandestino, chiavann ‘a capa d”o piccerillo nfaccia ‘a na porta, a Fabrizio muribbunno le tagliajene (parlanno cu rispetto) ‘e palle e po vuttajene abbascio ncoppo ‘o scalone d”o palazzo a isso e a Maria. ‘O purtone ‘e Palazzo Sansevero rummanette apierto, accussì ogne perzona puteva vedè chilli muorte accise, e fuje appesa na scritta ca spiecava ca s’era cunzumato nu delitto d’onore. Doppo nu paro d’ore ‘e gguardie jettene a vedè ch’era succieso, e ngucciajene nu monaco pe tramente steva prufananno ‘e carne ‘e Maria: chist’ommo schifuso e pervertito fuje arrestato e mpiso p”o cuollo ‘o juorno appriesso mmiezo ‘a Piazza d”o Mercato.

Raimondo di Sangro, principe di Sansevero
Raimondo di Sangro, principe di Sansevero

Doppo l’esequie fatte ‘e pressa ‘e pressa, ‘e servitore accuminciajene a sentì allucche e suspire pe tutto ‘o palazzo, ca rummanette sfitto all’urdemo piano pe nu decennio. ‘E notte ‘e luna chiena, mmece, ‘e spirite ‘e Maria e Fabrizio vanno fujenno secutate ‘a autri spiriti, armati, e ‘e strille se ponno sentì pe tutta ‘a zona ‘e San Dummineco.

Chisti fatte hanno purtate ‘a maledizione ncoppo ‘o palazzo, accussì ‘e siecule appriesso l’inquiline fin’ ‘a settima generazione nun putetteno truvà pace doppo ‘a morte. L’anno mille ottuciento e otto pigliaje casa llà don Pasquale Del Pezzo, prufessore ‘e matematica ‘e l’Università ‘e Napule, câ mugliera soja svedese ca murette ‘e paura doppo visto ‘o spireto d”o pittore Belisario Corenzio, ca stette ‘e casa llà pecché faticaje p”a famiglia Sansevero. A siconna mugliera d’o prufessore, pur’essa svedese, vedeva tutte chest’ombre e pure chella ‘e Raimondo di Sangro, ‘o leggennario princepe alchimista ‘e Sansevero, e ‘o prufessore stesso cuntava ca na vòta ncuntraje ‘o spireto ‘e na reincarnazione ‘e Raimondo: l’anno mille noveciento cincuanta e otto cierte studiuse napulitane facettene na seduta spiritica, e mmiezo all’ombre ce steva pure stu prufessore. Sempe tanno se sapette quale erane state ‘e reincarnazione ‘e don Raimondo, ca poche anne prima isso era turnato a nascere, propio a Napule.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più