Complesso Monumentale di Santa Chiara, visite gratuite: il calendario

Santa ChiaraVisite guidate gratuite al Complesso Monumentale di Santa Chiara. 

Le date disponibili per partecipare nel mese di gennaio: sabato 8 – 15 – 22 – 29, alle ore 10:00. E’ possibile partecipare alla visita guidata gratuita dopo aver effettuato l’accesso al Chiostro Maiolicato e aver esibito il Green Pass alla biglietteria. I gruppi sono composti da un massimo di 20 persone. L’inizio della visita guidata non subirà variazioni per cui si raccomanda la puntualità.

Info e prenotazioni

Sarà possibile prenotare esclusivamente online sul sito www.monasterodisantachiara.it. Per info: eventis.chiara@gmail.com – Tel 3713349140.

L’acquisto può avvenire entro le ore 17:00 del giorno precedente.

Complesso Monumentale di Santa Chiara

Il Complesso Monumentale di Santa Chiara fu costruito nel 1310, per volontà del re Roberto d’Angiò e di sua moglie Sancha di Maiorca. La cittadella francescana fu realizzata costruendo due conventi: uno femminile per le clarisse e l’altro maschile per i frati minori francescani. La chiesa si presenta oggi nelle sue originarie forme gotiche, con una semplice facciata nella quale è incastonato un antico rosone traforato.

Nel 1742 la chiesa subì delle modifiche per opera dell’architetto D. A. Vaccaro. Fastosi rivestimenti donarono al complesso un aspetto barocco. Il 4 agosto del 1943 la chiesa fu quasi del tutto distrutta da un bombardamento aereo. Essa fu ricostruita e restaurata secondo l’originario stile gotico. Dieci anni dopo la chiesa fu riaperta al culto. Il Chiostro del monastero ha subìto nel corso dei secoli varie trasformazioni. La più importante è stata eseguita da D. A. Vaccaro, tra il 1739 e il 1742.

Il Vaccaro ha realizzato due viali che, incrociandosi, hanno diviso il giardino in quattro settori. Fiancheggiano i viali pilastri, a pianta ottagonale, rivestiti da maioliche con festoni vegetali. I pilastri maiolicati sono collegati tra loro da sedili sui quali, con la stessa tecnica, sono rappresentate scene tratte dalla vita quotidiana dell’epoca. Le pareti dei quattro lati del chiostro sono interamente coperte da affreschi seicenteschi raffiguranti Santi, allegorie e scene dell’Antico Testamento.


All’interno della struttura si può inoltre ammirare un Museo che conserva alcuni tesori scampati al bombardamento del 1943, uno stabilimento termale romano del I sec d.C. e un tradizionale presepe con pastori del Settecento e dell’Ottocento.

Potrebbe anche interessarti