Meraviglia al Conservatorio di Napoli: concerto di Natale gratis nella spettacolare sala

napoli conservatorio concerto
Al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli il concerto di Natale

Napoli – Nella splendida cornice della Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella, il prossimo 19 dicembre, l’Orchestra Erasmus torna ad esibirsi con il concerto Christmas is Peace, in occasione del seminario internazionale P.E.A.C.E. – Erasmus+ contribution to European civic participation. L’ingresso è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione.

Napoli, al Conservatorio San Pietro a Majella il concerto di Natale

L’evento, in programma alle ore 19:00, è organizzato dall’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire. Si esibiranno musicisti di oltre venti Conservatori italiani che hanno svolto o stano svolgendo un’esperienza di mobilità internazionale Erasmus nel settore dell’Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM).

Una serata dedicata alla musica in tutte le sue forme: dai classici brani di Mozart, Donizetti, Bizet e Puccini, ai famosi brani natalizi quali White Christmas e Silent Night con l’aggiunta di ulteriori sorprese che regaleranno al pubblico un’esperienza del tutto magica. L’orchestra sarà diretta dal maestro Elio Orciuolo, docente del Conservatorio di Monopoli N. Rota.

Il concerto si terrà nei meravigliosi spazi della Sala Scarlatti del Conservatorio partenopeo e durerà all’incirca 1 ora e 15 minuti. La partecipazione è gratuita previa registrazione, da effettuare tramite l’apposita sezione del sito Indire, fino ad esaurimento posti.

L’esibizione rientra tra le iniziative previste dal seminario  “P.E.A.C.E”, finalizzato a creare una sinergia tra i vari soggetti attivi nel Programma Erasmus+ a livello europeo: Ambasciatori Scuola, Rappresentanti del mondo dell’educazione degli adulti, Role Model e Alumni dell’Istruzione Superiore.

L’Orchestra Erasmus è un ensemble musicale unico nel suo genere, che ha la finalità di promuovere i valori della Generazione Erasmus – aperta, dinamica, solidale – e dell’Europa, sfruttando la musica come metafora di integrazione, di incontro e di sviluppo di competenze oltre ogni barriera culturale e nazionale.


Potrebbe anche interessarti