Pompei e l’Europa. Due grandi mostre nel segno della città antica

 

pompei

Dall’anno in cui è stata scoperta fino al drammatico bombardamento del 1943. Gli artisti come hanno rappresentato Pompei? La mostra “Pompei e l’Europa“, al Museo Archeologico di Napoli e in contemporanea all’Anfiteatro di Pompei, racconta la storia della città vesuviana vista con gli occhi di archeologi, storici dell’arte, architetti e letterati. Potrete ammirare la prima rappresentazione dell’“Eruzione del Vesuvio” realizzata nel Settecento da Jacob More e la veduta del grande teatro pompeiano dipinta, nel 1793, da Jacob Philipp Hackert. O ancora, perdervi nel “Foro di Pompei” di Christen Købke, che esprime un nuovo modo di vedere gli scavi all’inizio dell’Ottocento, più gioioso, alla scoperta dei piaceri della vita. Potrete osservare “La sete” di Arturo Martini, che dimostra quanto nel Novecento la visione dei calchi pompeiani colpisca l’immaginario collettivo. Fino ad arrivare a vedere come la cittadina vesuviana cambi immagine passando dalla pittura alla fotografia.

Quando: dal 26 maggio al 2 novembre 2015
Dove: Museo Archeologico Nazionale di Napoli ( dalle ore 9.00 alle ore 19.30, aperto tutti i giorni – chiusura settimanale il martedì) e Scavi di Pompei, Anfiteatro (tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 19.30, ultimo ingresso alle ore 18.00)
Per informazioni: 081 4422149 o ssba-na@beniculturali.it o visitare il sito della mostra

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più