Santa Maria Capua Vetere, arrivano 100.000 euro per il riutilizzo di beni confiscati

Anfiteatro santa maria capua vetereLa Città di Santa Maria Capua Vetere è tra i venti Comuni campani ammessi ai finanziamenti regionali volti al recupero, alla valorizzazione e al riutilizzo con finalità sociali dei beni confiscati presenti sul territorio comunale.

La Regione Campania ha infatti accolto con favore il progetto della Giunta guidata dal Sindaco Antonio Mirra con l’assessore al ramo Francesco Petrella relativo ad un bene confiscato in via Merano che, grazie all’utilizzo di questi fondi pari a circa 100.000 euro, verrà convertito in un spazio co-working nonché di formazione ed inclusione lavorativa di giovani disoccupati e persone svantaggiate.

La riconversione dei beni confiscati che da tantissimi anni versano in uno stato di degrado ha rappresentato uno degli obiettivi prioritari di questa Amministrazione fin dal suo insediamento – hanno dichiarato il Sindaco Antonio Mirra e l’Assessore Francesco Petrella – Non a caso, questo importante progetto di recupero e riconversione di un immobile attualmente inutilizzato rappresenta un ulteriore passo in quel significativo percorso che ha già permesso di realizzare, in un altro bene confiscato, un centro antiviolenza ma soprattutto di avviare, in maniera concreta, l’iter per la progettazione, attualmente in fase di completamento, dello storico Palazzo Teti che, grazie all’impegno e alla serietà profusi da questa Amministrazione comunale potrà tornare ad essere un vero simbolo della nostra Città, diventando un polo culturale e turistico di grande respiro attraverso la realizzazione di un museo, di una biblioteca, di sale multimediali e attraverso la valorizzazione sul suo importantissimo giardino”.

Potrebbe anche interessarti