Action day a Napoli e Caserta: sversamenti illegali, oltre 20mila euro di multe

Più di 20.000 euro di sanzioni amministrative e varie aziende poste sotto sequestro al termine dell’Action day nelle province di Napoli e Caserta.

Action day tra Napoli e Caserta, sanzioni e sequestro di aziende

Si è conclusa oggi con un “Action day” di terzo livello, modalità operativa consolidata in stretta collaborazione con l’organismo Prefettizio delegato alla gestione del fenomeno dei roghi nella “terra dei fuochi” e le Forze di Polizia, una intensa settimana di interventi a contrasto di reati ambientali a supporto delle forze dell’ordine.

A Melito, in provincia di Napoli, una autocarrozzeria è stata sanzionata con una ammenda di più di 9000 euro per scarico di rifiuti non conforme al disciplinare ambientale oltre che per altri reati amministrativi ed una attività di un fabbro è stata posta sotto sequestro perché totalmente abusiva, mentre a San Marco Evangelista, in provincia di Caserta, una vasta area di circa 7000 Mq è stata sottoposta a sequestro per reati ambientali dovuti, tra le altre, allo sversamento illegale di rottami ferrosi.

Tra le province di Napoli e Caserta, in concorso con la Polizia Locale di vari comuni sono stati controllati numerosi esercizi commerciali tra cui un’attività di 4000 Mq a Crispano, in provincia di Napoli, è stata posta sotto sequestro per reati ambientali, numerose sono state le sanzioni comminate, per un ammontare superiore ai 10000 euro, relative ai soli reati ambientali mentre altre sanzioni per circa 1900 euro sono state irrogate per altre violazioni.

Natale 2021, continuano i controlli delle Forze dell’Ordine

Anche nell’approssimarsi delle festività natalizie non si ferma l’opera del personale dell’ Esercito e delle Forze dell’ordine a tutela dell’ambiente e per garantire la sicurezza del Cittadino.

Le attività svolte dagli uomini e donne dell’Esercito e delle Forze di Polizia sono suddivise per livelli in base alla tipologia di attività ed al personale partecipante, nella fattispecie le attività di terzo livello vedono coinvolte insieme ai militari dell’Esercito Italiano tutte le forze dell’ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e le Polizie Locali) che operano congiuntamente su obiettivi stabiliti dall’Organismo prefettizio delegato alla gestione del fenomeno di roghi nella Terra dei Fuochi.

Potrebbe anche interessarti